Il trattamento di Ezra Miller e Will Smith rivela un lampante doppio standard hollywoodiano

A seguito della notizia che Lega della Giustizia l’attore Ezra Miller è stato arrestato e accusato di condotta disordinata e molestie dopo aver affrontato fisicamente i clienti dei bar karaoke alle Hawaii il mese scorso, un nuovo rapporto ha rivelato che la Warner Bros. avrebbe messo in pausa i prossimi progetti DC della star, tra cui Il flash film ambientato per il 2023 e un sequel pianificato (sebbene non sia stato fatto alcun annuncio ufficiale).

Lo ha detto un insider dello studio Pietra rotolante che i dirigenti hanno tenuto una riunione di emergenza la scorsa settimana per rivalutare i progetti futuri di Miller alla luce della loro ultima serie di comportamenti violenti (Miller li usa come pronomi). Immediatamente dopo l’incidente del bar karaoke, in cui Miller ha urlato oscenità a una donna prima di afferrarle un microfono e si è lanciato contro un uomo che giocava a freccette, l’attore è stato colpito con un ordine restrittivo da una coppia con cui stavano alle Hawaii, che ha affermato che Miller ha rotto nella loro camera da letto, ha rubato alcuni dei loro effetti personali e ha minacciato di ucciderli. Pagina sei ha anche riferito che la polizia delle Hawaii aveva ricevuto almeno 10 chiamate su Miller per incidenti “minori”, tra cui “filmare persone in una stazione di servizio e rifiutarsi di lasciare l’area del marciapiede di un ristorante”.

L’articolo ha anche rivelato che Miller ha avuto “frequenti crolli” sul set durante le riprese di Il flash l’anno scorso. Sebbene nessuno di questi sfoghi violenti, un insider ha affermato che l’attore lo stava “perdendo”.

Miller che ha scatenato il caos in tutte le Hawaii non sorprende coloro che hanno assistito al comportamento irregolare dell’attore negli ultimi due anni. L’ultima volta il Vantaggi di essere un violacciocca la star era diventata virale, avevano pubblicato un video su Instagram a gennaio minacciando i membri del Ku Klux Klan a Beulaville, nella Carolina del Nord, per ragioni sconosciute. E nel 2020, è apparso online un video dell’attore che soffocava una donna e la gettava a terra in un bar in Islanda.

Forse è in parte dovuto al livello moderato di celebrità e alla mancanza di interazione con il pubblico di Miller che l’attore è stato a malapena oggetto di un’indignazione diffusa nei media e non solo di una “cancellazione” di breve durata su Twitter. Anche dopo che l’incidente del bar karaoke ha fatto notizia, ci sono stati molti tweet che prendevano in giro Miller come una minaccia pubblica, definendo il loro comportamento riconoscibile e scherzando sulla loro foto segnaletica. Allo stesso modo, è interessante vedere le polemiche a valanga di Miller guadagnare maggiore attenzione mentre si verificano le continue ripercussioni dell’incidente di schiaffi di Will Smith agli Oscar di quest’anno.

Fin dal Re Riccardo il comico schiaffeggiato dalla star Chris Rock per aver fatto una battuta di cattivo gusto su sua moglie, l’attrice Jada Pinkett Smith, durante la cerimonia poco più di una settimana fa, sono stati scritti articoli ininterrottamente sulle ripercussioni che Smith potrebbe dover affrontare dall’industria, comprese le imminenti progetti che sarebbero stati bloccati.

La scorsa settimana, ha detto una fonte Il giornalista di Hollywood quel film Netflix pianificato da Smith Veloce e sciolto è stato “spostato in secondo piano” dopo gli Oscar. Lo stesso articolo lo affermava Ragazzi cattivi 4 è stato anche messo in pausa. Fonti più discutibili come Il Sole hanno riferito che Apple TV + e Netflix si sono ritirati da una guerra di offerte per adattare le memorie dell’attore del 2021. Altre pubblicazioni hanno riferito sullo stato dei suoi progetti imminenti nel contesto di The Slap nonostante molti di essi fossero in fase di sviluppo con poche informazioni disponibili. Il Daily Beast ha rivelato che gli agenti di Smith hanno preso in considerazione l’idea di lasciarlo. Nel complesso, i media sembrano insistere nel diffondere l’idea che Smith non prenoterà mai più un lavoro, nonostante sia una delle star più bancabili di Hollywood.

Nel complesso, i media sembrano insistere nel diffondere l’idea che Smith non prenoterà mai più un lavoro, nonostante sia una delle star più bancabili di Hollywood.

Anche se è probabile che il contraccolpo su The Slap finirà per svanire, l’alterco ha già avuto un impatto maggiore sulla carriera di Smith rispetto agli attori e ai registi che hanno mostrato abitualmente comportamenti violenti al di fuori della cerimonia televisiva – e sono stati persino ricompensati su quel palco. Nell’ultima settimana, molto è stato fatto sulle dimissioni apparentemente preventive di Smith dall’Academy e sull’indagine in corso da parte del Board of Governors mentre l’organizzazione ha abbracciato uomini come Harvey Weinstein, Mel Gibson, Roman Polanski, Woody Allen, Michael Fassbender, Brad Pitt, Russell Crowe, Casey Affleck e altri che sono stati accusati e/o condannati per violenza sessuale e non sessuale. Anche nel caso della recente espulsione di Polanski dall’Accademia, c’è voluto un intero movimento globale di sopravvissuti ad aggressioni sessuali che parlassero – e un certo numero di altre presunte vittime che si facevano avanti – affinché l’organizzazione prendesse le distanze dal direttore polacco, che hanno accolto calorosamente torna alla premiazione dopo aver eluso la condanna per stupro di suo figlio.

Ecco perché la lenta reazione del pubblico al comportamento di Miller e alla Warner Bros. ‘ la riluttanza a ritirare completamente i loro progetti imminenti, nonostante i loro precedenti pubblici di causare danni, sono così esasperante e rivelano un doppio standard per quanto riguarda il modo in cui la violenza dei bianchi e dei neri è vista e sorvegliata in una società razzista. Miller può essere una bomba a orologeria fino a quando il loro comportamento non diventa ignorabile, mentre Smith viene automaticamente considerato una minaccia pubblica che non merita di lavorare perché è entrato in un alterco pubblico con qualcuno con cui ha un conflitto personale.

L’incidente dello schiaffo illustra anche come gli intrattenitori (e le persone) neri usa e getta siano una volta che si comportano al di fuori delle linee di rispettabilità che l’industria ha disegnato per loro. Anche se stai incassando in modo affidabile tanto denaro al botteghino quanto Smith, la tua intera carriera può essere messa a rischio dopo un errore sciocco.

Ancora una volta, con il dilemma di Miller, Hollywood ha chiarito che sono molto meno preoccupati di come la violenza sistemica operi effettivamente e continui a diffondersi all’interno del loro settore piuttosto che se influirà o meno sui loro profitti.

.

Leave a Comment