Lavorare da casa part-time potrebbe danneggiare l’ambiente, afferma lo studio

Secondo un nuovo studio, lavorare part-time da casa potrebbe essere dannoso per l’ambiente perché incoraggia le persone a vivere più lontano dall’ufficio.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che lavorano da casa anche solo una volta alla settimana vivono più lontano di quelle che lavorano in ufficio a tempo pieno, dal lunedì al venerdì.

I lavoratori a distanza devono quindi percorrere più miglia in una determinata settimana, anche se stanno facendo meno viaggi, e quindi i loro veicoli rilasciano più emissioni di carbonio.

Inoltre, gli esperti hanno scoperto che i lavoratori a distanza effettuano più viaggi nei giorni in cui lavorano da casa, ad esempio facendo viaggi extra in negozi e caffè.

Un passaggio permanente post-pandemia al lavoro ibrido dopo la pandemia di Covid potrebbe fare ben poco per ridurre le emissioni di carbonio, suggeriscono.

Un passaggio permanente post-pandemia al lavoro ibrido potrebbe fare ben poco per ridurre le emissioni di carbonio, afferma una nuova ricerca della University of Sussex Business School (foto d’archivio)

DISTANZE IN MIGLIA PERCORSE NELLA SETTIMANA

Non telelavoratore

– Meno di una volta all’anno o mai – 63,5

– Una o due volte l’anno – 91

– Meno di uno al mese più di due volte l’anno – 104

– Una o due volte al mese – 101-5

– Meno di una volta alla settimana più di due volte al mese – 102,7

Operatore a distanza di media frequenza

– Una o due volte alla settimana – 100,7

Operatore remoto ad alta frequenza

– Tre o più volte a settimana – 62.3

Le distanze percorse nello studio erano un mix di automobili e trasporti pubblici come treni, autobus e tram, che emettono tutti più emissioni di altri.

Lo studio è stato condotto da esperti della University of Sussex Business School di Brighton e pubblicato sulla rivista Transportation Research Part A.

“Il nostro studio rileva che il lavoro a distanza può avere conseguenze indesiderate che compensano potenziali viaggi e risparmi di carbonio”, ha affermato l’autore dello studio Steven Sorrell, professore di politica energetica presso la University of Sussex Business School.

‘Se fai il pendolare solo un paio di giorni alla settimana, puoi scegliere di vivere più lontano dal tuo posto di lavoro.

‘E se lavori a casa durante il giorno, puoi scegliere di fare viaggi aggiuntivi, magari per fare la spesa o semplicemente per uscire di casa.

“Dobbiamo considerare queste possibilità quando stimiamo il contributo del telelavoro agli obiettivi di carbonio.”

Lo studio ha utilizzato i dati dell’English National Travel Survey per stimare l’impatto del lavoro a distanza sui modelli di viaggio delle famiglie inglesi nel periodo dal 2005 al 2019, prima ancora che iniziasse la pandemia di Covid.

Complessivamente, i ricercatori hanno analizzato le informazioni su circa 3,6 milioni di viaggi di circa 269.000 persone.

Il team ha confrontato il numero di viaggi e la distanza percorsa dai lavoratori a distanza ogni settimana con il numero di viaggi e la distanza percorsa da persone che non lavoravano da casa (“non telelavoratori”).

In media (in media), le persone che hanno lavorato da casa meno di una volta al mese ma più di due volte l'anno hanno percorso la distanza settimanale maggiore - 104 miglia

In media (in media), le persone che hanno lavorato da casa meno di una volta al mese ma più di due volte l’anno hanno percorso la distanza settimanale maggiore – 104 miglia

LAVORARE DA CASA ‘AUMENTA IL RISCHIO DI FARE ERRORI’

Lavorare da casa aumenta il rischio di commettere errori, uno studio che esamina la qualità del gioco degli scacchi trovato nel 2021.

Lo standard era significativamente peggiore quando i giocatori gareggiavano online invece che faccia a faccia, hanno scoperto i ricercatori, suggerendo che non essere in ufficio è dannoso per la produttività.

Hanno monitorato quasi 215.000 mosse di scacchi fatte dai giocatori durante i tornei di persona e digitali, confrontandole con quella che era la migliore giocata utilizzando l’intelligenza artificiale.

Ha affermato che la ricerca ha dimostrato che il lavoro a distanza potrebbe ostacolare la capacità delle persone di svolgere compiti mentalmente intensi mentre sono soli.

Leggi di più: Lavorare da casa “aumenta il rischio di errori”

Hanno controllato una serie di variabili socioeconomiche, demografiche e regionali, come l’occupazione, l’industria e lo stato residenziale.

Secondo i risultati, i dipendenti che lavoravano da casa una o due volte alla settimana percorrevano in media 100,7 miglia a settimana, rispetto a 103,5 miglia per coloro che lavoravano da casa meno di una volta all’anno.

Tuttavia, coloro che lavoravano da casa tre o più volte alla settimana percorrevano in media 102 miglia a settimana, leggermente meno del totale delle persone che lavoravano da casa meno di una volta all’anno.

Complessivamente, le persone che hanno lavorato da casa meno di una volta al mese ma più di due volte l’anno hanno percorso la massima distanza settimanale: 104 miglia.

In termini di distanza dal proprio ufficio, le persone che lavoravano da casa tre o più volte alla settimana vivevano in media 4,2 miglia più lontano dal proprio posto di lavoro rispetto ai lavoratori in ufficio a tempo pieno, hanno scoperto.

Nel frattempo, coloro che lavoravano da casa una o due volte alla settimana vivevano in media 7,6 miglia in più rispetto ai lavoratori in ufficio a tempo pieno.

In altre parole, le persone che lavorano da casa uno, due, tre, quattro o cinque giorni alla settimana vivono complessivamente più lontano delle persone che sono in ufficio tutti i giorni della settimana.

Il team ha anche scoperto che i viaggi settimanali totali erano maggiori nelle famiglie in cui almeno un membro lavorava a distanza, suggerendo che la presenza di lavoratori a distanza in una casa incoraggia i loro coinquilini e familiari a viaggiare più a lungo.

I telelavoratori devono quindi percorrere più miglia in una determinata settimana, anche se fanno meno viaggi, e quindi i loro veicoli rilasciano più emissioni di carbonio (foto d'archivio)

I telelavoratori devono quindi percorrere più miglia in una determinata settimana, anche se fanno meno viaggi, e quindi i loro veicoli rilasciano più emissioni di carbonio (foto d’archivio)

Bernardo Caldarola, autore principale dello studio, ha sottolineato che non hanno dimostrato una relazione causale nel loro studio.

In altre parole, non hanno implementato in modo definitivo che i comportamenti di lavoro a distanza causino determinati modelli di viaggio.

“Le differenze nei modelli di viaggio tra telelavoratori e non telelavoratori possono derivare da differenze non osservate tra i due gruppi, piuttosto che dal telelavoro in sé e abbiamo bisogno di ulteriori ricerche per esplorare questo problema”, ha affermato.

I dati sono stati acquisiti anche prima dell’inizio della pandemia, quindi uno studio di follow-up che valuta i modelli di viaggio post-Covid potrebbe fornire conclusioni che si applicano meglio ai giorni nostri.

I benefici ambientali del telelavoro dipendono anche da sviluppi più ampi nei viaggi sostenibili, come l’uso di veicoli elettrici e biciclette per recarsi al lavoro.

STUDIO MICROSOFT DICE CHE LAVORARE DA CASA OSTACOLA LA CREATIVITÀ E IL LAVORO DI SQUADRA

Lavorare da casa riduce la creatività, la comunicazione e il lavoro di squadra, ha rivelato uno studio di Microsoft nel 2021.

I ricercatori del colosso tecnologico hanno esaminato i dati di oltre 61.000 dipendenti dell’azienda da dicembre 2019, prima del blocco, a giugno 2020.

Hanno scoperto che il lavoro da casa (WFH) rendeva i lavoratori “più isolati nel modo in cui comunicano” e li costringeva a impegnarsi in meno conversazioni in tempo reale.

Ha inoltre reso più difficile per i dipendenti dei diversi reparti acquisire e condividere nuove informazioni, il che potrebbe avere implicazioni per la “produttività e innovazione” di un’azienda.

D’altra parte, lavorare da casa significava che i dipendenti trascorrevano meno ore alle riunioni, spesso criticate come troppo lunghe e una perdita di tempo.

Per saperne di più: uno studio Microsoft afferma che lavorare da casa soffoca la creatività e il lavoro di squadra

.

Leave a Comment