Mercato automobilistico russo L’ultima causalità nella guerra ucraina

Le automobili Lada si trovano nel parcheggio di una concessionaria di automobili Lada a Togliatti, nota anche come Togliatti, il 1 aprile 2022. - Da generazioni la città russa di Togliatti è sinonimo del produttore di uno dei marchi più noti del paese - l'automobile Lada.  Ma con l'accumulo di sanzioni da parte dell'Occidente sulla Russia per la sua azione militare in Ucraina, Tolyatti e i lavoratori di Avtovaz si stanno preparando per tempi difficili.

Le automobili Lada si trovano nel parcheggio di una concessionaria di automobili Lada a Togliatti, nota anche come Togliatti, il 1 aprile 2022. – Da generazioni la città russa di Togliatti è sinonimo del produttore di uno dei marchi più noti del paese – l’automobile Lada. Ma con l’accumulo di sanzioni da parte dell’Occidente sulla Russia per la sua azione militare in Ucraina, Tolyatti e i lavoratori di Avtovaz si stanno preparando per tempi difficili.
Foto: Foto di Yuri KADOBNOV / AFP (Getty Images)

Le vendite di auto russe sono in caduta libera a causa delle pressioni delle sanzioni internazionali e della guerra, secondo l’Association of European Business (AEB), che rappresenta gli investitori stranieri in Russia.

La comunità internazionale ha fermamente condannato l’invasione russa dell’Ucraina sin da quando le prime truppe sono entrate nel paese il 12 febbraio. 24. Da allora, società e investimenti stranieri sono fuggiti dal Paese. Il crollo delle macerie e l’inflazione fulminea non hanno certamente contribuito a mettere il pubblico russo in un nuovo stato d’animo di acquisto di auto, ma anche se lo fossero, non c’è molto in termini di azioni nel paese.

Non sono solo i russi a soffrire per la mancanza di auto nuove. La decisione di ritirarsi dal mercato russo sta colpendo i marchi di tutto il mondo. Da Affari CNN:

Solo 55.000 auto nuove e veicoli commerciali leggeri sono stati venduti in Russia il mese scorso, in calo del 63% rispetto a marzo 2021, secondo i dati diffusi mercoledì dall’Association of European Business (AEB), un gruppo che rappresenta gli investitori stranieri in Russia.

Tutti i marchi – europei, americani e asiatici – hanno subito perdite, ma i più colpiti sono stati i grandi venditori Volkswagenle cui vendite sono diminuite del 74%, seguito dal marchio Škoda del gruppo tedesco e Toyota (TM). A febbraio, le vendite complessive sono diminuite solo del 4,8%, hanno mostrato i dati dell’associazione.

Anche Lexus, il marchio di lusso di Toyota, ha subito un duro colpo: le vendite sono crollate del 91%, la maggior parte di qualsiasi marca. Porsche, anche parte della Volkswagen (VLKAF) ha registrato un calo delle vendite del 73%.

Non sono solo i tuoi marchi di tutti i giorni come Toyota e Volkswagen che non vendono più auto in Russia; Anche Ferrari e Lamborghini si sono ritirate di recente, con entrambi i marchi di lusso inviano supporto monetario al popolo ucraino. Le case automobilistiche straniere con stabilimenti nel paese come la francese Renault stanno sospendendo la produzione negli stabilimenti russi. Anche le case automobilistiche russe come Lada hanno difficoltà a tenere le porte aperte a causa del ringhio di una catena di approvvigionamento interrotta da pesanti sanzioni.

.

Leave a Comment