Le prime altezze degli agricoltori europei non hanno soddisfatto le aspettative

Disegno di uno scienziato che lavora con resti scheletrici umani e DNA antico. Credito: Marija Stojkovic

Uno studio combinato di genetica e resti scheletrici mostra che il passaggio dalla caccia, raccolta e foraggiamento principalmente all’agricoltura circa 12.000 anni fa in Europa potrebbe aver avuto effetti negativi sulla salute, come indicato da altezze più brevi del previsto nei primi agricoltori, secondo un team internazionale dei ricercatori.

“Studi recenti hanno cercato di caratterizzare il contributo del DNA all’altezza”, ha affermato Stephanie Marciniak, assistente professore di ricerca, Penn State. “Abbiamo iniziato a pensare alle domande di vecchia data sul passaggio dalla caccia, alla raccolta e al foraggiamento all’agricoltura sedentaria e abbiamo deciso di considerare la salute che colpisce con l’altezza come proxy”.

Lavorando con George H. Perry, professore associato di antropologia e biologia, Penn State, e più di 40 ricercatori internazionali, Marciniak ha osservato le vette degli individui vissuti prima del Neolitico e nell’età del Neolitico, del Rame, del Bronzo e del Ferro. I ricercatori hanno misurato le ossa lunghe di resti scheletrici che erano anche stati campionati o già campionati per l’antico test del DNA da altri ricercatori.

I ricercatori hanno creato un modello che utilizzava l’altezza degli adulti, gli indicatori di stress osservati nelle ossa e il DNA antico. Hanno anche esaminato le indicazioni genetiche dell’ascendenza. I ricercatori hanno riportato i loro risultati in un recente numero di Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

“Il nostro approccio è unico in quanto abbiamo utilizzato misurazioni dell’altezza e DNA antico presi dagli stessi individui”, ha affermato Marciniak.

Il passaggio da uno stile di vita di caccia, raccolta e foraggiamento a uno stile di vita agricolo stabile non è avvenuto in tutta Europa contemporaneamente, ma in luoghi diversi in tempi diversi.

I ricercatori hanno studiato 167 individui vissuti da 38.000 a 2.400 anni fa. Ciò includeva individui preagricoli, i primi agricoltori e i successivi agricoltori. Hanno scoperto che gli individui del Neolitico, tenendo conto delle loro altezze potenziali geneticamente indicate, erano in media 1,5 pollici più corti rispetto agli individui precedenti e 0,87 pollici più corti rispetto agli individui. Hanno anche scoperto che le altezze aumentavano costantemente attraverso il rame – 0,77 pollici, il bronzo – 1,06 pollici e il ferro – 1,29 pollici rispetto alle altezze neolitiche.

Le prime altezze degli agricoltori europei non hanno soddisfatto le aspettative

Disegni di indicatori scheletrici di stress non specifico valutati nello studio. Credito: Katharine Thompson

“In questo momento, quello che sappiamo è che l’80% dell’altezza deriva dal trucco genetico e il 20% dall’ambiente”, ha affermato Marciniak. “I ricercatori non hanno ancora identificato tutte le varianti genetiche associate all’altezza”.

Il passaggio dalla caccia, raccolta e foraggiamento all’agricoltura non ha sempre comportato una perdita di altezza, sebbene in alcune parti d’Europa, secondo Marciniak.

Marciniak e il suo team hanno anche esaminato l’ascendenza genetica nel loro studio.

“C’era un movimento di persone, generalmente da est a ovest”, ha detto. “Volevamo rendere conto di quella migrazione che forse ha portato proporzioni diverse di varianti genetiche associate all’altezza”.

Quando il team ha incorporato le informazioni ancestrali, ha scoperto che per il Neolitico, la diminuzione dell’altezza è leggermente ridotta in modo da non essere così estrema.

“Questa ricerca richiede più studi con set di dati più grandi”, ha affermato Marciniak. “Il nostro lavoro rappresenta un’istantanea di qualcosa che è molto dinamico e molto sfumato. Dobbiamo fare di più per vedere qual è la causa della diminuzione dell’altezza raggiunta rispetto all’altezza genetica prevista durante il passaggio all’agricoltura”.

I ricercatori hanno affermato di ritenere che il loro approccio sia adattabile agli studi sulla salute umana passata e potrebbe essere applicato in altri contesti.


Uno studio sui contributi genetici ai cambiamenti nello stato umano preistorico


Maggiori informazioni:
Stephanie Marciniak et al, Un’analisi scheletrica e paleogenomica integrativa della variazione dello stato suggerisce una salute relativamente ridotta per i primi agricoltori europei, Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze (2022). DOI: 10.1073/pnas.2106743119

Fornito dalla Pennsylvania State University

Citazione: le prime altezze degli agricoltori europei non hanno soddisfatto le aspettative (2022, 7 aprile) recuperate il 7 aprile 2022 da https://phys.org/news/2022-04-european-farmers-heights.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

Leave a Comment