I leoni marini ladri irrompono nell’allevamento di salmoni e nella gola in occasione di una festa del pesce | Animali selvatici

Decine di ladri leoni marini nel Canada occidentale hanno passato le ultime settimane a rimpinzarsi di pesce dopo essere scivolati sfacciatamente in un allevamento di salmoni industriale, ignorando tutti i tentativi di farli andare avanti.

Cermaq, il gigante dell’acquacoltura con attività in Norvegia, Cile e Canada, afferma che gli astuti predatori sono stati in grado di eludere le reti e le recinzioni elettriche a fine marzo come parte di un “evento di violazione” presso la fattoria di Rant Point vicino a Tofino nella Columbia Britannica.

I gruppi ambientalisti locali, che si oppongono agli allevamenti ittici e hanno appreso della violazione solo domenica, hanno avvertito che gli stessi leoni marini sono in pericolo quanto più tempo trascorrono all’interno dell’allevamento.

“Abbiamo visto il leone marino scavalcare una delle recinzioni e saltare direttamente in una ‘rete per uccelli’, che è una rete sospesa sopra i recinti. Ha lottato per un bel po’ di tempo per liberarsi “, ha detto Bonny Glambeck di Clayoquot Action, un gruppo ambientalista locale. “Ci sono un sacco di corde e tubi in giro, quindi siamo sempre più preoccupati per l’aggrovigliamento”.

In poco più di un decennio, più di 100 leoni marini sono annegati dopo essersi impigliati nelle reti degli allevamenti ittici, poiché ha una megattera, evidenziando i pericoli che le fattorie e le loro reti rappresentano per la fauna locale.

Gli sforzi per spaventare i leoni marini, anche con rumori forti, sono finora falliti. La società ha affermato che le uscite sono disponibili per gli intrusi “se dovessero scegliere di andarsene” – un’offerta che i leoni marini sembrano aver rifiutato.

Nel 2016, dopo che i leoni marini hanno violato un altro allevamento ittico di Cermaq, il dipartimento canadese della pesca e degli oceani ha autorizzato l’azienda a sparare agli animali. Il DFO afferma che esiste un “requisito rigoroso” che nessuno dei leoni marini venga ucciso.

I leoni marini, un mammifero comune nelle acque al largo dell’isola di Vancouver, in genere cacciano in gruppo e banchettano con aringhe, salmoni, scogli e persino piccoli squali. Ma i pinnipedi hanno colpito il paydirt quando si sono fatti strada in recinti pieni di salmone.

L’allevamento può contenere fino a 500.000 salmoni dell’Atlantico, anche se l’azienda aveva già iniziato il processo di raccolta di una settimana a marzo, quando sono arrivati ​​i primi leoni marini.

Da allora altri leoni marini si sono uniti alla rapina, con grande frustrazione dell’azienda, che afferma di sperare di finire la raccolta entro la terza settimana di aprile.

La violazione dell’allevamento ha anche attirato l’attenzione sugli allevamenti ittici della Columbia Britannica, alcuni dei quali hanno ricevuto l’ordine di chiudere dal governo federale entro il 2025 a causa delle preoccupazioni ambientali e dell’opposizione delle nazioni indigene. Le aziende della regione, tra cui Cermaq, si sono opposte all’ordine e affermano che migliaia di posti di lavoro andranno perduti.

Glambeck teme che i leoni marini si abitueranno agli umani e una volta che i salmoni se ne saranno andati, rivolgiti alle altre 14 fattorie della zona.

“Sono animali molto intelligenti ed è così scoraggiante e straziante vedere questi animali potenzialmente danneggiati da questo settore”, ha detto.

Leave a Comment