Azioni, Treasury affondano a causa dell’inflazione, rischi politici: Markets Wrap

(Bloomberg) – Azioni e futures azionari statunitensi sono scesi lunedì insieme ai Treasury a causa delle crescenti preoccupazioni sui rischi di inflazione e sull’inasprimento delle condizioni finanziarie. Un indicatore del dollaro è salito.

I più letti da Bloomberg

Un indice azionario dell’Asia-Pacifico ha perso oltre l’1%, scendendo al livello più basso da metà marzo. Cina e Hong Kong hanno lottato, con le azioni tecnologiche che hanno slittato sulle nuove linee guida di Pechino volte a frenare i monopoli di dati sulle piattaforme Internet.

Anche i futures statunitensi ed europei sono diminuiti, indicando ulteriori sfide per le azioni globali dopo che la Federal Reserve la scorsa settimana ha segnalato forti aumenti dei tassi di interesse e una riduzione del bilancio per frenare le pressioni sui prezzi.

Il rendimento dei Treasury a 10 anni ha toccato il 2,77%, superando per la prima volta dal 2010 il tasso equivalente sul debito cinese. I rendimenti reali statunitensi si stanno avvicinando a diventare positivi, un’evoluzione che potrebbe ostacolare gli asset rischiosi. Il tasso a 10 anni dell’Australia ha raggiunto il 3% per la prima volta dal 2015.

Il petrolio ha ripreso il suo declino a causa dei rischi per la domanda derivanti dall’epidemia di Covid in Cina e dai blocchi, compresi ampi cordoli a Shanghai.

Il sentimento del mercato continua a essere modellato dalla Fed aggressiva e dalle pressioni inflazionistiche dovute alle perturbazioni del mercato delle materie prime causate dall’invasione russa dell’Ucraina. I cordoli del Covid in Cina minacciano di esacerbare i ringhi della catena di approvvigionamento, alimentando ulteriormente i costi. I prezzi di fabbrica della nazione sono aumentati più del previsto a marzo.

“Oggi, il mantra per molti investitori è ‘Non combattere la Fed quando sta combattendo l’inflazione'”, ha scritto in una nota Ed Yardeni, presidente di Yardeni Research. “Siamo d’accordo con questo, ma non è così ribassista come sembra”, in parte perché l’eccesso di liquidità accumulato e un aumento dell’inflazione agli utili sono puntelli per le azioni, ha aggiunto.

La presidente della Fed di Cleveland Loretta Mester ha affermato di essere fiduciosa che gli Stati Uniti eviteranno una recessione poiché la Fed inasprirà la politica, sebbene il tasso di inflazione rimarrà probabilmente a oltre il 2% nel prossimo anno.

Euro altalene

L’euro è salito fino allo 0,7% rispetto al biglietto verde prima di pareggiare il guadagno dopo che Emmanuel Macron è emerso dal primo turno delle elezioni presidenziali francesi con uno stretto vantaggio sulla rivale nazionalista Marine Le Pen.

Gli investitori si sono preoccupati delle implicazioni di una vittoria per Le Pen nel bel mezzo della guerra in Ucraina, date le sue simpatie di lunga data per la Russia.

La Russia ha nominato un nuovo comandante per le sue operazioni in Ucraina. Mosca sta riorientando i suoi sforzi bellici a est, non essendo riuscita a proteggere il territorio intorno alla capitale, Kiev.

La Russia ha dichiarato che interromperà le aste di obbligazioni per il resto del 2022 a causa di oneri finanziari proibitivi. Il primo default esterno del paese in un secolo ora sembra quasi inevitabile dopo che è stato sanzionato e isolato a causa del conflitto.

Nelle criptovalute, Bitcoin è stato in secondo piano, scendendo sotto i 42.000$.

Eventi da guardare questa settimana:

  • Inizia la stagione degli utili, inclusi i rapporti di Citigroup, JPMorgan Chase, Goldman Sachs, Morgan Stanley, Taiwan Semiconductor Manufacturing, Wells Fargo

  • Il presidente della Fed di Chicago Charles Evans dovrebbe parlare lunedì

  • I ministri degli Esteri dell’UE si incontrano, altre misure della Russia all’ordine del giorno, lunedì

  • IPC statunitense, martedì

  • Rapporto mensile OPEC sul mercato petrolifero, martedì

  • Il governatore della Fed Lael Brainard e il presidente della Fed di Richmond Thomas Barkin parleranno martedì

  • Decisione sul tasso della Banca del Canada, mercoledì

  • Rapporto sull’inventario del petrolio greggio EIA, mercoledì

  • Decisione sul tasso della Reserve Bank of New Zealand, mercoledì

  • Commercio cinese, prestiti a medio termine, mercoledì

  • Decisione sul tasso della BCE, giovedì

  • Decisione politica della Banca di Corea, giovedì

  • Vendite al dettaglio negli Stati Uniti, richieste iniziali di sussidi di disoccupazione, scorte di aziende, sentimento dei consumatori dell’Università del Michigan, giovedì

  • Il presidente della Fed di Cleveland Loretta Mester, il presidente della Fed di Filadelfia Patrick Harker dovrebbero parlare giovedì

  • I mercati azionari e obbligazionari statunitensi sono tra quelli chiusi per il Venerdì Santo

Alcune delle principali mosse nei mercati:

Azioni

  • I futures S&P 500 sono scesi dello 0,6% alle 11:58 a Tokyo. L’S&P 500 è sceso dello 0,3%

  • I futures Nasdaq 100 sono scesi dello 0,8%. Il Nasdaq 100 è sceso dell’1,4%

  • L’indice Topix del Giappone ha perso lo 0,6%

  • L’indice Kospi della Corea del Sud è sceso dello 0,6%

  • L’indice S&P / ASX 200 australiano è rimasto stabile

  • L’indice Hang Seng di Hong Kong è sceso del 2,6%

  • Lo Shanghai Composite Index cinese è sceso del 2%

  • I future sull’Euro Stoxx 50 sono scesi dello 0,6%

Valute

  • Lo yen giapponese era a 124,86 per dollaro, in calo dello 0,4%

  • Lo yuan offshore era a 6,3801 per dollaro, in calo dello 0,2%

  • L’indice Bloomberg Dollar Spot è salito dello 0,2%

  • L’euro era a $ 1,0877

Obbligazioni

Merci

  • Il greggio West Texas Intermediate è sceso del 2,3% a 96,01 dollari al barile

  • L’oro era a $ 1.943,06 l’oncia

I più letti da Bloomberg Businessweek

© 2022 Bloomberg LP

Leave a Comment