Molly Shannon, ex di ‘SNL’, ripercorre la tragedia in un nuovo libro di memorie: NPR

Molly Shannon, mostrata qui nel 2021, è co-protagonista Lo amo per te, una serie comica di Showtime sugli host dei canali di shopping.

Amy Sussman/Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Amy Sussman/Getty Images


Molly Shannon, mostrata qui nel 2021, è co-protagonista Lo amo per te, una serie comica di Showtime sugli host dei canali di shopping.

Amy Sussman/Getty Images

Come membro del cast di Sabato sera in diretta dal 1995 al 2001, Molly Shannon è diventata famosa per aver interpretato la studentessa cattolica Mary Katherine Gallagher.

Dice che atterrando un punto SNL – e farsi riconoscere per uno schizzo che aveva creato – avrebbe dovuto sembrare un trionfo. Ma invece, Shannon ricorda di essersi sentita depressa.

“Mi sono reso conto che davvero l’unica persona a cui volevo dire, ‘Oh mio Dio, sono così, così orgogliosa di te, Molly’ era mia madre”, dice Shannon.

Ma la madre di Shannon, insieme alla sorella di 3 anni e a un cugino, era morta decenni prima, quando suo padre, che aveva bevuto, ha fatto schiantare l’auto di famiglia contro un palo. Per anni, dice Shannon, il ricordo di sua madre e sua sorella l’ha spinta in avanti nella sua carriera. Ma poi lei SNL svolta accadde – e si rese conto che il suo dolore non era diminuito. Tuttavia, il momento ha rappresentato una svolta.

“Mi ha fatto sentire in pace con la fama e lo spettacolo”, dice Shannon. “È come se non devi essere il migliore, divertiti solo a essere creativo. Goditi il ​​tuo lavoro che ti appassiona. Non importa a quale livello sei, divertiti solo dove sei. … E io hanno ancora la stessa filosofia”.

Shannon non ha rallentato da allora SNL giorni. Ha recitato nella serie comica Gli altri due e Il loto bianco, e anche nella prossima serie comica Showtime Lo amo per te. In tutto questo, rimane grata per il tempo che ha con la sua stessa famiglia.

“Penso che arrivare a vivere oltre gli anni vissuti da mia madre stia semplicemente guarendo profondamente, e non lo do per scontato”, dice. “Sono così grato. Posso guardare i miei figli crescere e mia madre non è riuscita a vedermi crescere. Ed è solo che penso che sarebbe così felice per me”.

Il nuovo libro di memorie di Shannon è Ciao, Molly!

Punti salienti dell’intervista

Ciao, Molly! di Molly Shannon

Harper Collins


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Harper Collins


Ciao, Molly! di Molly Shannon

Harper Collins

Su quello che ricorda dell’incidente d’auto

Ricordo solo che c’erano le sirene e potevo sentire molte persone parlare. Una grande folla si è fermata e si è formata intorno all’auto e le persone stavano aiutando, cercando di tirare le persone fuori dall’auto. Hanno messo me e mia sorella Mary su una barella. E ricordo di aver sentito il suo corpo accanto al mio e ci hanno messo una coperta addosso ed è stato davvero pruriginoso. E ricordo solo di essere stato confuso, tipo cosa sta succedendo?

Stavamo dormendo nel retro della station wagon e poi ci hanno portato in ospedale e ci hanno tagliato i vestiti. Ci hanno portato dentro e ci hanno fatto tutti questi test… toccando parti del suo corpo per assicurarci che potessimo sentire i nostri piedi e cose diverse del genere. Tanti, tanti test. ….

Ci siamo svegliati la mattina e c’erano persone che entravano con regali e tanti giocattoli, e c’erano dei parenti. Ma io ero tipo “Dov’è mia madre?” Sai, “Dov’è Katie? Dov’è mio padre?” E guarderei a mia sorella per essere una sorta di guida, ma lei stava solo guardando fuori dalla finestra e piangeva.

Quindi nella mia testa mi sono inventato: “Oh, mia madre deve essere con Katie nella sezione del bambino”. Forse Katie è su un piano diverso con i bambini. La mia sorellina aveva 3 anni. E poi, alla fine, penso che una zia ci abbia detto che mia madre e mia sorella erano morte. Ha detto: “Sono andati, sono andati in paradiso”. Sai, come se fosse davvero una buona notizia.

Sulle gambe di suo padre che sono state schiacciate nell’incidente e sull’impatto che ha avuto su di lui

È stato davvero difficile perché è stato in ospedale per molto tempo e poi si è ripreso da mia zia. Doveva imparare di nuovo a camminare. E aveva un deambulatore che ha usato per il primo anno per imparare lentamente a camminare nel suo soggiorno. Quindi quella ripresa è stata lenta. E poi finalmente siamo tornati alla nostra casa originale.

È stato difficile per lui. Sarebbe stressato per la pulizia e la cucina. Ma era un genitore molto pratico e a tempo pieno. Poteva stare con noi tutto il tempo. Ha investito in case doppie a Cleveland, quindi sarebbe andato a riscuotere l’affitto. Ma potrebbe portarci a scuola, ed essere a casa dopo la scuola, e portarmi a lezioni di piano. Quindi ha fatto davvero un ottimo lavoro cercando di essere un buon padre.

Sul senso dell’umorismo malizioso di suo padre

Vorrebbe farci ridere. Si è divertito molto a fare i genitori. Era sciocco. Avrebbe trasformato un sacco di cose in giochi. Come se fossimo andati in un negozio di dolci, solo io e mio padre, lui avrebbe detto: “Molly, che ne dici se quando entriamo nel negozio facciamo finta che sono cieca?” E io ero tipo “OK”. Quindi tutto era come un gioco. Diceva: “È cioccolato?!” E avrebbe buttato giù il cioccolato. Era divertente. È stato divertente. Era molto sciocco e selvaggio.

Sulla sua prima carriera nel mondo dello spettacolo

Pensavo fosse come uno show televisivo professionale. [But] questo era solo una specie di spettacolo di carnevale locale in cui andavamo a diversi carnevali, e non era professionale. E la donna che lo gestiva sembrava avere un serio problema con l’alcol. E ho trovato affascinante studiarla. A volte ci incontravamo la mattina e lei era davvero ubriaca, e io pensavo solo: “Wow, è ubriaca? È così presto”. Quindi ho davvero studiato qui.

Ma lo spettacolo è stata una grande esperienza perché mio padre mi portava in tutto il sud dell’Ohio per andare a questi carnevali. Cantavo con il microfono, come vicino alla casa di rimbalzo, e cantavo come “Tea for Two”. Quindi è stata davvero una buona pratica esibirsi.

Su suo padre che fa coming out più tardi nella vita

Avevo tanta paura di chiederglielo, Terry. Ed è stato interessante perché ho continuato ad aspettare che me lo dicesse. La mia ultima SNL spettacolo, mio ​​padre è venuto alla festa. … E abbiamo avuto il miglior tempo, e ha avuto modo di vedere il mio ultimo spettacolo. Ma ancora non me l’ha detto e io sono tipo “Dio, non me l’ha ancora detto”.

Poi l’ho invitato a una conferenza stampa per questo film che ho fatto con Kate Beckinsale chiamato Serendipità. E io ho detto: “Vieni fuori al Four Seasons”. E indossavamo abiti bianchi e mangiavamo insalate Cobb e ci divertivamo. E noi… siamo andati a sederci sulle sedie a sdraio a bordo piscina e ho pensato, Sarò coraggioso e farò la domanda da un milione di dollari che solo una figlia può fare a un genitore quando è ancora vivo. E io ho detto: “Hai mai pensato di poter essere gay?” E ricordo che l’ho detto così lentamente… E poi è stata come una pausa. E lui era tipo “Sicuramente”.

E io ero tipo “Cosa? Cosa hai appena detto?” È quasi come se non riuscissi a sentire quello che dicono. Sicuramente? Oh mio dio, che sollievo. E poi abbiamo finito per parlarne per le successive 72 ore. Abbiamo guidato a Ojai, [Calif.], e siamo andati al Carrows Diner e ho solo avuto modo di fargli tutte le domande che avrei mai voluto fare. E io ho detto: “La mamma lo sapeva?” E mi ha detto. E io ho detto: “Quando hai saputo di essere gay?” E lui: “Oh, Molly, lo sapevo alle elementari”. … Quindi abbiamo avuto questa conversazione aperta. … Ed è stato un tale onore che si è rivolto a me, e penso che sia stato un sollievo per lui potermelo dire. Ed è morto, tipo, sei mesi dopo.

Heidi Saman e Thea Chaloner hanno prodotto e montato questa intervista per la trasmissione. Bridget Bentz, Seth Kelley e Natalie Escobar l’hanno adattato per il web.

Leave a Comment