Honda spera che ti dimenticherai di Tesla con un investimento di $ 40 miliardi di veicoli elettrici

Due auto sportive con ruote incandescenti sotto un grande telo.

Grafico: Honda

È meglio che le persone siano preparate per un futuro completamente elettrico di proprietà di un’auto. Sebbene in termini di aziende che aprono la strada all’accettazione diffusa, alcune stanno pianificando più di altre.

Il gigante automobilistico giapponese Honda ha annunciato di volerlo fare un intero 40% della sua flotta completamente elettrica entro il 2030. Quell’investimento di 5 trilioni di yen, AKA $ 40 miliardi significa che potrebbero avere un totale di 30 nuovi modelli di veicoli elettrici entro quella data, superando in modo significativo concorrenti come Tesla con la loro scarsa offerta di cinque modelli al dettaglio disponibili (dovrai aspettare un po’ se vuoi davvero far scorrere la mano lungo i bordi duri del famigerato camion cibernetico).

Tale investimento rappresenta oltre il 60% del budget totale di ricerca e sviluppo dell’azienda, pari a quasi 64 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni. Inoltre, entro il 2024 saranno destinati circa 345 milioni di dollari al primo round dimostrativo di nuove batterie allo stato solido. Honda ha precedentemente dichiarato di eliminerebbe gradualmente tutte le auto non EV nel mercato nordamericano entro il 2040.

È il più grande investimento totale annunciato in EV da una qualsiasi delle altre principali case automobilistiche fino ad oggi. Lo ha annunciato la General Motors un misero investimento da 7 miliardi di dollari a gennaio. Mentre Ford prevede di aumentare la produzione di veicoli elettrici entro il 2023, hanno proposto solo sette nuovi modelli EV per il mercato europeo entro il 2025.

L’investimento di Honda è in linea con la crescente domanda. Sebbene pubblicizzino l’obiettivo di cercare un “impronta ambientale zero”, l’esecuzione avrà poca importanza se non ci sarà l’infrastruttura di supporto per caricare queste auto. Gli Stati Uniti stanno pianificando di farlo spendere miliardi sulla nuova infrastruttura di veicoli elettrici lungo le autostrade americane.

Questo sta cominciando a sembrare come i vecchi che vagavano per le strade del quartiere tornando a cacciare i nuovi ragazzi dal loro territorio. Tesla rimane il nome più grande nello spazio dei veicoli elettrici, ma le sue auto rimangono in gran parte inaccessibili per il pubblico in generale, con la sua auto più economica, la Model 3, che costa circa $ 47.000 dopo un aumento dei prezzi quest’anno.

Nel frattempo, Lo ha riferito Techcrunch Honda prevede di svelare un veicolo da $ 8.000 appositamente per il mercato giapponese. La casa automobilistica giapponese sta anche raggiungendo attraverso il Pacifico la General Motors per sviluppare un nuovo veicolo elettrico da 30.000 dollari.

In entrambi i casi non è stata una buona settimana per Tesla. Le azioni sono crollate l’11 aprile, proprio nel periodo in cui il fondatore dell’azienda Elon Musk ha annunciato una svolta in stile Shyamalan che non sarebbe più entrato nel consiglio di amministrazione di Twitter, preparandosi ad acquistare ancora più azioni del monolite dei social media.

Ma è probabile che l’equazione più grande per il calo dei prezzi delle azioni abbia a che fare con la carenza di forniture internazionali e i blocchi Covid in Cina. Il che dimostra che tutta quell’elettrificazione è avrà bisogno di un bel po’ di terre rare. I materiali più importanti, tra cui Litio e Cobaltoche avrà il proprio impatto ambientale, non solo dall’estrazione mineraria, ma anche dal tributo ambientale dovuto alla spedizione di questi prodotti alle fabbriche di tutto il mondo.

E nonostante questa nuova spinta verso l’EV e una più ampia adozione all’esterole persone nel Gli Stati Uniti sono stati lenti per seguire la tendenza dei veicoli elettrici. Sarà più ampia disponibilità e scalata (fortemente sovvenzionato) i prezzi del gas incentivano gli automobilisti statunitensi a collegarsi, piuttosto che ad alzarsi? Bene, almeno le principali case automobilistiche scommettono che lo faranno.

.

Leave a Comment