I ricercatori scoprono un nuovo fenomeno magnetico con potenziale industriale

Nano Lettere (2022). DOI: 10.1021/acs.nanolett.1c04665″ width=”500″ height=”186″/>

astratto grafico. Crediti: Nano lettere (2022). DOI: 10.1021/acs.nanolett.1c04665

Sondare il mondo del molto, molto piccolo è un paese delle meraviglie per i fisici. Su questa scala nanometrica, dove vengono studiati materiali sottili come 100 atomi, vengono scoperti fenomeni totalmente nuovi e inaspettati. Qui la natura smette di comportarsi in un modo prevedibile dalla legge macroscopica della fisica, a differenza di quanto accade nel mondo intorno a noi o nel cosmo.

Dott. Yonathan Anahory del Racah Institute of Physics dell’Università Ebraica di Gerusalemme (HU) ha guidato il gruppo di ricerca, che comprendeva la studentessa di dottorato dell’HU Avia Noah. Ha parlato del suo stupore quando ha guardato le immagini del magnetismo generato dai nanomagneti, “era la prima volta che abbiamo visto un magnete comportarsi in questo modo”, mentre ha descritto le immagini che hanno rivelato il fenomeno del “magnetismo di bordo”.

Le immagini hanno mostrato che il materiale magnetico che l’HU stava studiando conservava il magnetismo solo sul bordo, in effetti solo entro 10 nanometri dal bordo (ricordate che un capello umano è di circa 100.000 nanometri). I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nano lettere.

Questo nano-effetto, sebbene molto piccolo, potrebbe effettivamente avere ampie applicazioni nella nostra vita quotidiana. “Nella corsa tecnologica odierna per rendere ogni componente più piccolo e più efficiente dal punto di vista energetico, lo sforzo è concentrato su piccoli magneti con forme diverse”, ha condiviso Anahory. Il nuovo magnetismo dei bordi offre la possibilità di realizzare magneti a filo lungo solo 10 nanometri di spessore, che potrebbero curvarsi in qualsiasi forma. “Potrebbe rivoluzionare il modo in cui produciamo dispositivi spintronici”, ha aggiunto Anahory, riferendosi ai dispositivi nanoelettronici di prossima generazione con un consumo energetico ridotto e maggiori capacità di memoria e di elaborazione

L’effettiva scoperta del magnetismo marginale è stata alquanto fortuita: Anahory ha deciso di dare un’occhiata a un nuovo nanomateriale magnetico (CGT) prodotto dal suo collega presso l’Universidad Autónoma de Madrid, in Spagna. La scoperta si basava infine su immagini prodotte da un nuovo tipo di microscopia magnetica sviluppata in Israele, in grado di misurare il campo magnetico di un singolo elettrone. La scoperta di nuovi fenomeni si basa su nuove tecnologie altamente sofisticate. Inoltre, i fenomeni stessi saranno al centro di tecnologie ancora più avanzate, come ha dimostrato il magnetismo marginale.


I “ricci” magnetici potrebbero archiviare grandi dati in un piccolo spazio


Maggiori informazioni:
Avia Noah et al, Magnetizzazione interna e dei bordi in sottili pellicole CrGeTe3 esfoliate, Nano lettere (2022). DOI: 10.1021/acs.nanolett.1c04665

Fornito dall’Università Ebraica di Gerusalemme

Citazione: I ricercatori scoprono un nuovo fenomeno magnetico con potenziale industriale (2022, 12 aprile) recuperato il 12 aprile 2022 da https://phys.org/news/2022-04-magnetic-phenomenon-industrial-potential.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

Leave a Comment