Lo studio rileva che il cambiamento climatico potrebbe rendere più frequenti esplosioni rapide di incendi come East Troublesome

“Senza precedenti” è stato il modo in cui molti vigili del fuoco e scienziati del fuoco hanno descritto l’incendio di East Troublesome del 2020 a Grand County, Colo.

Gli esperti di incendi sono rimasti scioccati dalla velocità dell’incendio. In meno di un giorno, l’incendio ha consumato più di 170.000 acri mentre attraversava l’altopiano del Colorado e ha scavalcato il Continental Divide, secondo i dati federali. Una combinazione di clima insolitamente caldo, forti venti e alberi uccisi dagli scarafaggi ha alimentato la sua rapida crescita.

Il disastro ora è il secondo incendio più grande nella storia del Colorado. Due persone sono morte nell’incendio, ma molti vigili del fuoco locali ritengono che un leggero cambiamento delle condizioni del vento avrebbe potuto causare molte più vittime.

Un nuovo studio pubblicato mercoledì suggerisce che questo tipo di pericolose esplosioni di incendi potrebbero presto essere molto più comuni.

Jonathan Coop, autore di uno studio e professore di ambiente e sostenibilità presso la Western Colorado University di Gunnison, ha contribuito a indagare sulla possibilità di esplosioni simili dopo l’incendio di East Troublesome. Il suo team ha scoperto che gli eventi estremi di un giorno – definiti come incendi che crescono più di circa 2.700 acri in un giorno – diventeranno probabilmente più frequenti con il riscaldamento del clima. Nel frattempo, gli incendi estremi “si prevede che supereranno qualsiasi cosa finora osservata”, incluso l’East Troublesome.

“Questi sono i tipi di eventi che sfidano la soppressione degli incendi”, ha affermato Coop. “Questi sono gli eventi che più probabilmente ci cattureranno se non prestiamo attenzione”.

Per il nuovo studio, Coop e i suoi colleghi hanno utilizzato i dati satellitari per identificare gli incendi in più rapida crescita negli Stati Uniti occidentali tra il 2002 e il 2020. I risultati suggeriscono che gli incendi estremi stanno determinando un aumento complessivo del numero di acri bruciati in tutta la regione. Secondo la loro analisi, il 10% più ricco degli incendi di un giorno ha rappresentato il 58% dell’area totale bruciata. L’1% più ricco rappresentava il 20% dell’area totale.

I ricercatori hanno anche scoperto che gli incendi estremi di un solo giorno avevano maggiori probabilità di decollare in paesaggi particolarmente asciutti e caldi.

Sebbene la scoperta non sia poi così sorprendente, Coop ha affermato che la ricerca è preoccupante perché si prevede che quelle stesse condizioni diventeranno più comuni con l’intensificarsi del cambiamento climatico in tutto il mondo.

Le temperature medie globali sono già aumentate di 1,1 gradi Celsius, secondo l’International Panel on Climate Change delle Nazioni Unite. Senza sforzi aggressivi per lasciare nel terreno riserve di combustibili fossili comprovate, gli scienziati prevedono che il pianeta potrebbe vedere più di 3 gradi Celsius di riscaldamento entro la fine del secolo.

Per prevedere in che modo il riscaldamento globale potrebbe influenzare gli incendi, Coop e il suo team hanno utilizzato modelli informatici per stimare il numero totale di incendi estremi se le temperature aumentano di 2 gradi Celsius.

I risultati sono stati angoscianti. Se misurato rispetto agli ultimi anni, il 2020 rappresenta un valore anomalo per il numero totale di esplosioni rapide di incendi in un solo giorno. In uno scenario climatico più caldo, i ricercatori prevedono che una stagione con almeno altrettanti eventi estremi tenderebbe a verificarsi ogni quattro anni.

Secondo la modellazione del team, si prevede che anche il numero totale di tali esplosioni che si verificano in una stagione media aumenterà, passando da più di 100 all’anno negli Stati Uniti occidentali a più di 300 all’anno, ha affermato Coop. I modelli suggeriscono anche che la superficie totale bruciata nella regione sperimenterebbe un aumento simile.

Coop ha affermato che la riduzione delle emissioni di gas serra è probabilmente il modo migliore per proteggersi da tali possibilità.

Oltre a ciò, spera che i risultati ispirino le comunità locali a prepararsi per incendi estremi, sia riducendo i combustibili intorno alle case sia preparando i residenti a evacuare e sfuggire a pericolosi incendi.

Il capo dei vigili del fuoco della Grand County, Brad White, ha affermato che i risultati dello studio aggiungono ulteriore peso alla lezione principale che ha tratto dall’incendio di East Troublesome. Poiché gli enormi incendi non lasciano molto tempo al pubblico e ai primi soccorritori per reagire, ha affermato che le comunità devono iniziare a pensare agli incendi più come ad altri disastri in rapido movimento.

“Se vai in un’area soggetta a uragani o terremoti, hanno codici e tecniche di costruzione adatte a questo. Hanno rifugi. Hanno impianti di evacuazione progettati per un numero maggiore”, ha detto.

White ha affermato che ci sono limiti a quegli sforzi a livello di comunità. Quando si avvicina un incendio estremo, i residenti non possono esitare quando le autorità chiedono loro di togliersi di mezzo.

“Quando diciamo evacuare, significa in realtà che è ora di evacuare”, ha detto White.


Storie correlate

.

Leave a Comment