Abbandona la scena infestata da Cabo per gli squali di La Paz

Arrivando all’aeroporto di Cabo San Lucas, la maggior parte si dirige verso le località vicine. Ma con tutti i suoi fratelli che indossano il berretto all’indietro che cercano di accendersi, perché dovresti volerlo?

Dirigiti invece a nord per un viaggio di due ore fino alla città di La Paz, una piccola metropoli di circa 250.000 abitanti nel Mar di Cortez. È un affascinante borgo antico costruito sull’estrazione dell’argento, la pesca e le perle: una delle gigantesche sfere delle dimensioni di un limone della zona adorna una corona appartenente alla regina d’Inghilterra.

Ma non sei venuto fin qui per estrarre argento o sgusciare ostriche, anche se la pesca è abbondante: marlin, dorado, ricciola, cernia, dentice. Il miglior motivo per venire in questa conurbazione costiera è l’avventura. Jacques Cousteau ha definito il Mare di Cortez l’acquario del mondo, il che significa che per farlo bene bisogna bagnarsi.

Se gli squali in ufficio indossano gessati, quelli in questo specchio d’acqua color zaffiro portano macchie. Sono lunghi fino a 33 piedi, ma non sono i predatori assetati di sangue che conosci.

Invece lo squalo balena è un docile filtro alimentatore, contento di muoversi in superficie, inghiottendo casualmente la sua preda.

Gli squali balena possono raggiungere una lunghezza massima di 33 piedi.
Getty Images

Il mare era torbido e gelido il giorno in cui abbiamo fatto il grande passo. Schiacciato da onde increspate, è facile disorientarsi. Se non stai attento, potresti ritrovarti a girare intorno e a scontrarti con la bestia. Certo, non ha fame di umani, ma quella bocca – larga fino a un metro e mezzo e foderata di oltre 300 denti (principalmente per spettacolo)! Pochi sono mai stati così vicini a una bocca così grande, un brivido terrificante che ti farà rimescolare.

Nuotare con squali balena e leoni marini è la cosa più bella che puoi fare a La Paz. Baja Adventure Company lo rende accessibile a $ 175, incluso un pranzo ceviche fatto in casa sulla spiaggia di Balandra, una remota distesa di sabbia che costeggia la riserva nazionale di Dunas de Arena.

Ma c’è di più, incluso l’osservazione stagionale delle balene: megattere e occasionali balene blu in inverno. Sandboard su una duna remota dove la foresta di cactus cardi incontra il mare, a cura di On Board Baja ($ 55 / persona).

Esterno del Baja Club Hotel.
Il rum è la linfa vitale del Baja Club, un locale in stile coloniale diffuso sul Malecón, la via principale di La Paz.
Hotel Baja Club

Cavalca la sabbia polverosa come faresti con la neve ad Aspen. Sappi solo che è più lento e più pesante e la quantità di cose che raccogli sul tuo corpo potrebbe essere sufficiente per costruire la tua duna.

Situato sulla via della spiaggia chiamata Malecón, il Baja Club Hotel è una villa in stile coloniale restaurata che un tempo apparteneva a una famiglia di commercianti. Risalente all’inizio del XX secolo, è stato riproposto per ospitare ospiti con camere da $ 300 / notte che circondano un cortile appartato. Lì, nel ristorante sotto un pergolato coperto di vite, è possibile cenare con piatti greci e mediterranei.

Proprio fuori dalla porta, un’affascinante passeggiata lungo il Malecón offre paesaggi costieri e tramonti scintillanti.

La lobby dell'hotel.
Una famiglia di commercianti ha costruito questa villa dei primi del 20° secolo, ora riproposta come un hotel da $ 300 a notte.
Hotel Baja Club

Svolta in qualsiasi strada laterale per ammirare murales dipinti e punti di riferimento come la Catedral de Nuestra Señora de La Paz, eretta negli anni ’60 dell’Ottocento, o la vecchia sede del governo, recentemente convertita nel Museo de Arte de Baja California Sur, che espone principalmente professionisti contemporanei del sud Messico.

Ma diventa reale. Non sei venuto fino a La Paz per guardare l’arte.

Fai un breve tragitto in auto lungo la costa fino a ChiloChill a La Ventana, la principale capitale del kitesurf nell’emisfero settentrionale. Quando il vento è giusto, gli aquiloni sono più numerosi dei gabbiani in una serie di colori che punteggiano l’orizzonte. È più facile del windsurf, anche se la lezione dura almeno due ore.

Un kite surfer a La Ventana.
Un kitesurfer a La Ventana.
Shutterstock

A seconda della velocità del vento, puoi saltare sulla superficie fino a 40 miglia orarie. Con nessun percorso tranne il mare aperto, cavalcare con la brezza è la cosa più vicina a volare senza prendere il volo. E se non fa per te, siediti all’ombra di una palapa e sorseggia una piña colada mentre il sole e il vento animano il paesaggio marino.

Se lo desideri, puoi noleggiare una tenda e un glamp per la notte in modo da poter essere il primo sulla baia quando sorge il sole. Ma la mossa intelligente è salire sulle colline del deserto fino a Rancho Cacachilas. Lì, a 1.200 piedi sul livello del mare, goditi viste spettacolari della costa e del glamping rustico del deserto con cucina da fattoria a tavola e guide amichevoli in mezzo allo splendore della natura per $ 300 a notte.

Puoi visitare la fattoria, visitando capre, galline e un asino accanto a piccoli appezzamenti di terreno dove vengono coltivati ​​​​i prodotti. Le capre sono responsabili del formaggio spalmato sul pane, del cempasuchil, del palo blanco o di un girasol di età compresa tra tre e cinque settimane.

Il maestro qui intorno è un tipo affabile di nome Sebastián Del Valle, un naturalista e appassionato di attività all’aria aperta che conosce le colline come se fosse cresciuto lì. Un’escursione con lui ti farà familiarizzare con il terreno, ma per entrare in intimità con esso ti servirà una mountain bike per distruggere i sentieri stretti e ripidi e le curve spietate del polveroso arroyo. Ma attenzione: i cactus Cardón che sembrano saguari sono onnipresenti come palme a ventaglio nelle quote più elevate.

Il mantello di polvere che hai messo nel deserto è complementare al mantello di sale che hai preso dal mare. Avventura indurito, indossa entrambi come armatura contro gli squali mortali in tuta a casa che sono più affamati e meno misericordiosi dello squalo balena.

.

Leave a Comment