Alicia Keys, Ricky Martin e Bonnie Raitt sono stati aggiunti al National Recording Registry: NPR

La cantante Alicia Keys si esibisce al Madison Square Garden di New York, pochi mesi dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001.

George De Sota / Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

George De Sota / Getty Images


La cantante Alicia Keys si esibisce al Madison Square Garden di New York, pochi mesi dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001.

George De Sota / Getty Images

Quando il World Trade Center è stato distrutto il 17 settembre L’11 gennaio 2001, i membri dello staff della più grande stazione radiofonica pubblica della città hanno lottato per riportare la notizia, non perché il loro trasmettitore fosse in cima a una delle Torri Gemelle. Ma i nostri colleghi del WNYC hanno perseverato e sono riusciti a tenere informati i newyorkesi durante l’orrore e il caos di quel terribile giorno e hanno fornito i primi resoconti di testimoni oculari dell’attacco.

Ora, le trasmissioni dell’11 settembre della WNYC saranno archiviate nel National Recording Registry. Ogni anno dal 2000, quando il Registro è stato istituito per la prima volta con un atto del Congresso, la Biblioteca del Congresso seleziona 25 titoli da conservare per i posteri.

L’elenco di solito include quelli che il LOC chiama “suoni della storia” e quest’anno, quelle selezioni includono i discorsi presidenziali completi del presidente Franklin D. Roosevelt e la copertura del WSB-Atlanta del 715esimo fuoricampo di Hank Aaron, vividamente chiamato dal leggendario giornalista sportivo Milo Hamilton .

“Quando Aaron ha colpito quell’homer, l’esuberanza in onda di Hamilton ha eguagliato quella di quelli sugli spalti”, ha affermato la Library of Congress in una nota. “Ricordato quasi quanto il 715esimo fuoricampo stesso, l’annuncio di Hamilton della rottura del ‘record che non sarebbe mai stato battuto’ è una delle più grandi chiamate di sempre del baseball e della radio”.

Il registro ha lo scopo, in parte, di promuovere gli sforzi di conservazione del LOC. Quindi, come pubblicizzarsi meglio che includere i musicisti più amati del paese? I candidati di quest’anno, come al solito, includono numerose celebrità e punti di riferimento del rock classico. Interi album appena aggiunti all’intervallo del registro da Duke Ellington’s 1956 Ellington a Newport agli anni ’97 Buona Vista Social Club alla pietra miliare della carriera di Linda Ronstadt nel 1987, Canti di mio padre.

Linda Ronstadt si esibisce al Canzoni di mio padre cuna volta nel 1989.

Youtube

Canti di mio padre è un album che ho sempre voluto fare a causa della mia eredità messicana”, ha detto Ronstadt in una dichiarazione. “Adoro le tradizioni musicali che ne derivano. Ho sempre pensato che fossero canzoni di livello mondiale. E ho pensato che fossero canzoni con cui la musica poteva trascendere la barriera linguistica”.

Altri album degni di nota aggiunti al registro del 2022 includono Alicia Keys’ Canzoni in la minore, di Bonnie Raitt Nick del tempo e del clan Wu-Tang Entra nel Wu-Tang (36 Camere)dal 1993. Secondo la Library of Congress, quell’album “avrebbe plasmato il suono del rap hardcore e riaffermato la capacità creativa della scena rap della costa orientale. I singoli artisti del gruppo avrebbero continuato a produrre progetti di affiliazione che hanno approfondito l’influenza del gruppo per decenni di hip-hop”.

Ma l’elenco rispolvera anche contributi più oscuri, esoterici e insoliti. La prima registrazione – “Harlem Strut” del 1921 – è la prima registrazione conosciuta del pianista jazz James P. Johnson, che compose anche “The Charleston”. E l’aggiunta più recente, di quasi un secolo dopo, è un episodio di podcast: WTF con Marc Maron, dal 2010, ha visto Robin Williams in una conversazione calda, sconclusionata e sorprendentemente intima. Quattro anni dopo, il comico sarebbe morto suicida all’età di 63 anni.

“Il National Recording Registry riflette la musica e le voci diverse che hanno plasmato la storia e la cultura della nostra nazione attraverso il suono registrato”, ha affermato la Bibliotecaria del Congresso Carla Hayden come parte dell’annuncio. Insieme a molti degli artisti in primo piano, sarà intervistata come parte della serie “The Sounds of America”, da 1A di NPR, che si concentra sulle selezioni di quest’anno per il National Recording Registry.

Tali selezioni seguono, in ordine cronologico:

“Harlem Strut” – James P. Johnson (1921)

2. Franklin D. Roosevelt: discorsi presidenziali completi (1933-1945)

3. “Walking the Floor Over You” – Ernest Tubb (1941) (singolo)

4. “Su una nota di trionfo” (8 maggio 1945)

5. “Jesus Gave Me Water” – The Soul Stirrers (1950) (singolo)

6. “Ellington at Newport” – Duke Ellington (1956) (album)

7. “Insistiamo! Freedom Now Suite di Max Roach” – Max Roach (1960) (album)

8. “The Christmas Song” – Nat King Cole (1961) (singolo)

9. “Tonight’s the Night” – The Shirelles (1961) (album)

10. “Moon River” – Andy Williams (1962) (singolo)

11. “In C” – Terry Riley (1968) (album)

12. “It’s a Small World” – The Disneyland Boys Choir (1964) (singolo)

13. “Reach Out, I’ll Be There” – The Four Tops (1966) (singolo)

Il 715esimo fuoricampo in carriera di Hank Aaron (8 aprile 1974)

15. “Bohemian Rhapsody” – Queen (1975) (singolo)

16. “Don’t Stop Believin ‘” – Journey (1981) (singolo)

17. “Canciones de Mi Padre” – Linda Ronstadt (1987) (album)

18. “Nick of Time” – Bonnie Raitt (1989) (album)

19. “The Low End Theory” – A Tribe Called Quest (1991) (album)

20. “Enter the Wu-Tang (36 Chambers)” – Wu-Tang Clan (1993) (album)

21. “Buena Vista Social Club” (1997) (album)

22. “Livin ‘La Vida Loca” – Ricky Martin (1999) (singolo)

23. “Songs in A Minor” – Alicia Keys (2001) (album)

24. Trasmissioni WNYC per il giorno dell’11 settembre (11 settembre 2001)

25. “WTF con Marc Maron” (Ospite: Robin Williams) (26 aprile 2010)

Leave a Comment