GUARDA gli astronauti statunitensi al lavoro su una stazione spaziale condivisa con la Russia

Mentre gli Stati Uniti continuano ad aiutare l’Ucraina e la Russia si rifiuta di porre fine a un’invasione del paese sovrano, gli astronauti degli Stati Uniti e della Federazione Russa continuano a lavorare insieme sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Infatti, gli astronauti statunitensi sono stati filmati mentre preparavano la stazione in orbita attorno alla Terra per gli aggiornamenti questa settimana ed è arrivato un nuovo gruppo di astronauti russi, con i colori della bandiera ucraina.

I piani per la ISS iniziarono negli anni ’80 e il suo primo equipaggio, composto da astronauti statunitensi e russi, iniziò a risiedere nella stazione nel 1998. Ci sono stati più di due decenni di presenza umana continua nel laboratorio spaziale, che è un collaborazione tra cinque agenzie spaziali (Europa, Stati Uniti, Russia, Canada e Giappone) in rappresentanza di 15 paesi.

“La stazione spaziale ha all’incirca le dimensioni di un campo da calcio: una piattaforma da 460 tonnellate con equipaggio permanente in orbita a 250 miglia sopra la Terra”, secondo il sito web della ISS. “È circa quattro volte più grande della stazione spaziale russa Mir e cinque volte più grande dello Skylab statunitense”.

Secondo la NASA, “i laboratori della stazione spaziale consentono ai membri dell’equipaggio di fare ricerche che non potrebbero essere fatte da nessun’altra parte”, a causa delle condizioni nello spazio. “Questa ricerca scientifica avvantaggia le persone sulla Terra. La ricerca spaziale viene utilizzata anche nella vita di tutti i giorni. ”

Martedì si è tenuta una “passeggiata spaziale” per eseguire gli aggiornamenti della stazione e un’altra è prevista la prossima settimana. Ogni volta che un astronauta esce da un veicolo nello spazio, si parla di passeggiata spaziale. L’astronauta russo Alexei Leonov è stata la prima persona a compiere una passeggiata spaziale il 18 marzo 1965.

Gli ingegneri di volo della NASA Kayla Barron e Raja Chari hanno condotto la passeggiata spaziale di martedì alla ISS. Barron indossava un abito con strisce rosse e Chari indossava un abito senza strisce. È stata la seconda passeggiata spaziale della carriera di Barron e la prima di Chari.

Hanno assemblato e installato i kit di modifica necessari per gli imminenti aggiornamenti degli array solari, comprese staffe e montanti per supportare la futura installazione di un ISS Roll-Out Solar Array (iROSA), pannelli solari che aiutano ad alimentare la stazione.

Quando verranno installati un totale di sei nuovi array IROSA, le centrali elettriche totali aumenteranno da 160 kilowatt a un massimo di 215 kilowatt.

Durante la passeggiata spaziale prevista per mercoledì prossimo, due astronauti dovrebbero “installare tubi flessibili su un modulo valvola a fascio di radiatori che instrada l’ammoniaca attraverso i radiatori che respingono il calore della stazione per mantenere i sistemi alla giusta temperatura”, nonché un cavo di alimentazione e dati e per sostituire una telecamera esterna sul traliccio della stazione tra gli altri aggiornamenti.

Secondo la NASA, anche Oleg Artemyev, Denis Matveev e Sergey Korsakov, cosmonauti del programma spaziale russo Roscosmos, sono arrivati ​​​​alla ISS venerdì. Space.com ha riferito che l’ingresso dei cosmonauti è stato sorprendente perché “indossavano tute da volo giallo brillante con riflessi blu, i colori dell’Ucraina”.

La Federazione Russa ha iniziato un’invasione dell’Ucraina il mese scorso e nelle ultime settimane sia militari che civili sono andati perduti mentre il conflitto continua. Sebbene gli Stati Uniti non abbiano inviato truppe direttamente in Ucraina, hanno fornito aiuti militari per 1 miliardo di dollari nel corso di una settimana.

Alla domanda sulle tute durante una trasmissione televisiva russa, Artemyev ha detto che c’era un’eccedenza di tessuto giallo nel magazzino. Alcune persone pensano che sia stata una dimostrazione di sostegno all’Ucraina.

Alla fine del mese, la navicella spaziale Soyuz che ha portato i cosmonauti sulla stazione riporterà sulla Terra Pyotr Dubrov e Anton Shkaplerov di Roscosmos, insieme a Mark Vande Hei della NASA, che stabilirà il record per la missione spaziale umana più lunga a 355 giorni.

Gli astronauti della NASA Barron, Chari e Tom Marshburn rimarranno alla stazione con l’astronauta dell’Agenzia spaziale europea Matthias Maurer e il nuovo gruppo di cosmonauti.

Leave a Comment