Il futuro del divieto degli OGM

Le leggi sull’ingegneria genetica della Nuova Zelanda devono affrontare una dura sfida dalla nuova tecnologia, scrive Justin Giovannitti in The Bulletin.

Il divieto dell’ingegneria genetica sta affrontando un problema impossibile.

C’è un buco nel muro che tiene gli organismi geneticamente modificati fuori dalla Nuova Zelanda e ha la forma di un hamburger impossibile. Come ha scritto Chris Schulz per The Spinoff, la carne progettata in laboratorio è il nome più importante nella mania delle piante. Tuttavia, l’hamburger impossibile sarebbe impossibile senza l’ingegneria genetica. Il cuore dell’hamburger è una molecola eme che conferisce alla carne il suo gusto e il suo carattere sanguinante. The Listener (paywalled) ha anche esaminato la crescita dell’interesse dei consumatori per le alternative a base vegetale. L’autorità di regolamentazione della sicurezza alimentare di Aotearoa ha dovuto approvare la vendita dell’impossibile hamburger qui, concedendo un’esenzione dal divieto del paese sugli OGM. Sebbene non sia la prima tecnologia geneticamente modificata consentita nel paese, è un segno della crescente pressione sulle leggi di Aotearoa.

C’è una richiesta crescente per una revisione delle normative del paese.

Non c’è stata una revisione delle leggi neozelandesi sugli OGM in oltre due decenni. RNZ riferisce che la Commissione per la produttività ora avverte che le normative attuali non riflettono 20 anni di progressi tecnologici vertiginosi. La commissione ha raccomandato che i regolamenti debbano accogliere le nuove tecnologie e non “soffocare” l’innovazione. Il governo ha risposto che il marchio Aotearoa è privo di OGM e vuole mantenere un approccio “procedi con cautela” all’ingegneria genetica. C’è anche scarso interesse pubblico nel modificare i regolamenti. Tuttavia, la Commissione per la produttività non è sola. La Commissione sui cambiamenti climatici ha anche raccomandato l’anno scorso al governo di prendere in considerazione l’autorizzazione dell’ingegneria genetica che potrebbe ridurre le emissioni dell’agricoltura.

La resistenza al cambiamento può essere feroce. Così possono le chiamate per esso.

Gli OGM possono essere un argomento appassionato e non esiste un modo semplice per definire gli argomenti da entrambe le parti. Prem Maan, il presidente esecutivo di Lewis Road Creamery e Southern Pastures, ha scritto una difesa delle leggi attuali l’anno scorso. Ha avvertito di possibili enormi danni all’ambiente causati dalla diffusione incontrollata di OGM e ha affermato che l’attuale divieto mantiene i prodotti “sani” premium delle esportazioni alimentari della Nuova Zelanda. Argomenti simili vengono fatti ogni pochi anni, quando esce un nuovo rapporto. Mia Sutherland, un’ex sciopero scolastico per l’organizzazione del clima, ha scritto per Stuff che gli OGM sono l’opzione per il clima. Con il paese che deve affrontare una seria sfida per ridurre rapidamente le emissioni climatiche in questo decennio, alcune erbe geneticamente modificate potrebbero aiutare a ridurre di quasi la metà le emissioni agricole. Newsroom esamina anche i progressi della scienza e sostiene che questo va ben oltre gli OGM, con la Nuova Zelanda che limita rigorosamente l’editing genetico.

Il futuro ha in serbo molta biologia radicale.

È possibile che tra altri 20 anni leggerai una newsletter che copre anche lo stato in gran parte privo di OGM del paese. Ma è improbabile. Mentre ci sono stati enormi cambiamenti tecnologici nei 20 anni dall’ultima revisione degli OGM del paese, i prossimi due decenni promettono di essere ancora più trasformativi. “La biologia è la tecnologia più importante di questo secolo”, sostiene Wired in una recente rassegna di ciò che verrà. In modi che già sembrano impensabili, la tecnologia viene utilizzata in questo momento per modificare e riscrivere la vita. Il futuro, nel bene e nel male, sarà sintetico.

Leave a Comment