Le previsioni sui mutui sono diminuite con l’aumento dei tassi, il rifinanziamento scende

I banchieri ipotecari della nazione stanno ridimensionando le loro aspettative per l’anno poiché i tassi in rapido aumento rendono ancora più costoso l’acquisto di una casa.

La Mortgage Bankers Association ora chiede che le originazioni complessive di mutui, che includono prestiti di rifinanziamento, raggiungano un totale di $ 2,58 trilioni nel 2022, un calo del 35,5% rispetto al 2021. La previsione precedente era di $ 2,61 trilioni.

La previsione dell’MBA, che rappresenta più di 2.000 aziende del settore, riflette realtà sconcertanti sull’economia statunitense. L’offerta nel mercato immobiliare è limitata ei prezzi alti. Gli americani sono alle prese con l’inflazione più calda degli ultimi quattro decenni, mentre la Federal Reserve sta alzando in modo aggressivo i tassi di interesse per tenerlo sotto controllo.

Con l’aumento dei tassi, negli ultimi tempi la domanda di rifinanziamento è fortemente diminuita. Le richieste di rifinanziamento di un mutuo per la casa sono diminuite del 5% durante l’ultima settimana, destagionalizzato, ed erano inferiori del 62% rispetto a un anno fa, secondo l’MBA. Per l’intero anno, il gruppo prevede che i rifinanziamenti scendano del 64%. La quota di rifinanziamento dell’attività ipotecaria è scesa al 37,1% delle richieste totali la scorsa settimana dal 38,8% della settimana precedente.

Si prevede ancora che le origini per gli acquisti aumenteranno a un record di $ 1,72 trilioni quest’anno, ma la previsione precedente era di $ 1,77 trilioni.

“Anche se il volume delle vendite esistenti sarà leggermente inferiore rispetto allo scorso anno, la continua crescita delle vendite di nuove case e il rapido aumento dei prezzi delle case dovrebbero fornire una crescita annua inferiore, ma solida, del 4% nel volume di origine degli acquisti”, ha affermato Michael Fratantoni, Capo economista di MBA.

Il tasso di interesse medio del contratto per i mutui a tasso fisso di 30 anni con un acconto del 20% e saldi di prestito conformi di $ 647.200 o meno è aumentato al 5,13% dal 4,90%, secondo l’MBA. Il tasso era del 3,27% la stessa settimana di un anno fa.

I punti sono saliti a 0,63 da 0,53, comprese le commissioni di origination.

“I tassi ipotecari su tutti i tipi di prestito hanno continuato a salire, con il tasso fisso a 30 anni che ha superato la soglia del 5%, il più alto da novembre 2018. Di conseguenza, l’attività di rifinanziamento è scesa al ritmo settimanale più lento dal 2019”, ha affermato Joel Kan, un economista MBA.

Le domande di mutuo per l’acquisto di una casa sono aumentate dell’1% per la settimana, ma erano inferiori del 6% rispetto alla stessa settimana di un anno fa. Un numero maggiore di potenziali acquirenti si sta ora rivolgendo a mutui a tasso variabile, che comportano tassi di interesse più bassi. La loro quota di domande la scorsa settimana è stata del 7,4%, il livello più alto da giugno 2019.

“In un segno promettente di una forte domanda di acquisto in mezzo a sfide di accessibilità, sia le applicazioni di acquisto convenzionali che quelle governative sono aumentate”, ha affermato Kan.

.

Leave a Comment