Sonoma Land Trust afferma che è necessario più tempo per studiare il corridoio della fauna selvatica presso il Sonoma Developmental Center

Meno di due settimane fa, un voto fondamentale del Consiglio dei supervisori della contea di Sonoma, il Sonoma Land Trust, sta esortando i leader politici a ritardare l’identificazione di un piano che plasmerà il futuro della proprietà del Sonoma Developmental Center a Glen Ellen.

I membri del Trust chiedono un’estensione fino a due anni per studiare il corridoio della fauna selvatica che attraversa il sito.

Il gen. 25 riunione dei supervisori è stata cerchiata mesi fa quando il consiglio avrebbe formalmente selezionato un piano di riqualificazione per una proprietà di 930 acri, che trabocca di storia e meraviglie paesaggistiche.

Il programma, sviluppato congiuntamente dallo stato della California e dalla contea di Sonoma, prevede il completamento di una bozza di rapporto sull’impatto ambientale entro giugno o luglio e l’adozione di un piano specifico finale per settembre.

A causa delle gravi interruzioni dovute a COVID-19 e anni di incendi episodici, ha affermato il Land Trust, semplicemente non c’è stato abbastanza tempo per prendere una decisione informata su un’alternativa preferita.

“Suggeriamo rispettosamente di aver superato quella linea temporale molto tempo fa”, ha affermato Eamon O’Byrne, direttore esecutivo di Sonoma Land Trust. «E senza incolpare la contea. Con gli incendi e, più recentemente, la pandemia, come possiamo aspettarci che il personale della contea dedichi un minuto di tempo a questo? Facciamo un respiro profondo, facciamo un passo indietro e vediamo cosa possiamo inventare.

“Tutto ciò che chiediamo è reimpostare l’orologio.”

È una richiesta che i funzionari della contea definiscono irrealistica, a causa della struttura decisionale unica che guida il processo. Lo stato possiede la SDC, che ha aperto nel 1891 come California Home for the Care and Training of the Deeble Minded, e ha operato per 127 anni come struttura per i californiani con difficoltà di apprendimento. È lo stato che raccoglierà il profitto finanziario. Ma offre alla contea di Sonoma quella che entrambi chiamano un’opportunità senza precedenti per aiutare a decidere come verrà utilizzata la proprietà.

Il Dipartimento dei servizi generali della California, che gestisce l’ex istituzione, ha accolto con freddezza la proposta del Land Trust.

“Abbiamo stipulato l’accordo e fornito 3,5 milioni di finanziamenti sulla premessa che il piano specifico sarebbe stato completato entro 3 anni dall’accettazione dell’accordo da parte della contea”, ha affermato DGS in una dichiarazione scritta. “Sebbene, certamente, potrebbero verificarsi alcuni adeguamenti del programma, l’accordo non prevede un’estensione nella misura in cui suggerisce il Land Trust”.

Il mantenimento dell’invecchiamento del campus costa ai contribuenti statali circa $ 10 milioni all’anno, ha affermato il dipartimento.

E un grande ritardo alla vendita potrebbe essere più che imprudente. Secondo DGS, potrebbe essere illegale ai sensi della legislazione che autorizzava i finanziamenti nell’ambito del processo di bilancio dello Stato, che prevedeva un piano triennale.

“La proroga di due anni sembra violare quanto richiesto dalla legge”, ha affermato DGS. “Un ritardo ritarderà solo un progetto che potrebbe aiutare ad alleviare la grave carenza di alloggi, i senzatetto e l’insicurezza abitativa dello stato”.

Se i leader della contea annullano l’accordo, il responsabile delle politiche di Permit Sonoma Bradley Dunn ha affermato, “lo stato può abbandonare il processo e programmare l’uso del suolo lì come ritiene opportuno”.

Poiché i diversi attori locali classificano in modo diverso le priorità come l’edilizia abitativa, gli spazi aperti e la conservazione storica, la vendita e la riqualificazione dei terreni della DSC è sempre stata destinata a innescare attriti. E forse c’è stato ancora più rancore del previsto da quando la contea di Sonoma ha presentato tre piani alternativi a novembre. A giudicare dai numerosi incontri, sondaggi e workshop comunitari condotti da allora, alcuni direbbero che nessuno è soddisfatto di nessuna delle tre alternative.

Susan Gorin di certo non lo è. Il supervisore della contea, la cui giurisdizione comprende la DSC, ritiene che tutti e tre siano “privi di innovazione e creatività”.

Eppure Gorin non sostiene l’appello del Land Trust per mesi, o addirittura anni, di ulteriori studi. Crede che il consiglio possa selezionare tra le migliori caratteristiche delle varie alternative e trovare una soluzione migliore in modo tempestivo.

“È prematuro anche solo parlare di estendere la sequenza temporale”, ha detto.

Il suo punto, e quello di Dunn, è che il rapporto sull’impatto ambientale programmato per i prossimi mesi, e altri lavori che potrebbero seguire il 10 gennaio. 25, affronterà adeguatamente tutto ciò che deve essere rafforzato, inclusa la creazione di un corridoio per la fauna selvatica.

“Il Sonoma Land Trust e il Sonoma Ecology Center studiano il corridoio della fauna selvatica da 5-10 anni. Quindi penso che ci siano molti dati “, ha detto Gorin. “Significa che non abbiamo bisogno di altro? Probabilmente no. Ma non vedo lo sviluppo del campus a breve. Sono abbastanza pragmatico da suggerire che ci vorranno diversi anni prima che qualsiasi sviluppatore possa iniziare a mettere carta su carta”.

Leave a Comment