Google ti mostra la qualità dell’aria su richiesta, ma quanto è precisa?

Tre persone siedono su una panchina che domina un'area portuale della California meridionale con un fitto smog che copre lo skyline.

Lo skyline del 2021 che domina il porto di Signal Hill da Hilltop Park era molto nebuloso durante una dura stagione di incendi.
Foto: Bretagna Murray (Getty Images)

Se non vivi in ​​una zona densamente popolata, probabilmente è molto, molto più difficile misurare la qualità dell’aria all’esterno. Nonostante un’implementazione piuttosto silenziosa, è improbabile che una nuova funzionalità sul motore di ricerca di Google renda più facile per le persone sapere se devono uscire o aprire una lattina di Palle spaziali’ “Perri-aria.”

L’anno scorso, Google ha iniziato a mostrare alle persone la qualità dell’aria locale sul proprio Nest Hub e altri dispositivi smart display, nonché sugli utenti Google in India. La funzione è stata ora ampliata questa settimana per includere gli utenti di ricerca di Google negli Stati Uniti e Victoria, in Australia, secondo un portavoce di Google. I sistemi di Google negli Stati Uniti aggregano i dati da AirNow.govun sito governativo che utilizza i dati di monitoraggio dell’EPA e PurpleAiruna società privata di monitoraggio della qualità dell’aria.

“Continuiamo a esplorare modi per rendere prontamente accessibili informazioni autorevoli su una serie di argomenti relativi alla sostenibilità e all’ambiente e non vediamo l’ora di condividerne presto di più in questo spazio”, ha detto un portavoce di Google Techcrunch.

L’aggiunta al motore di ricerca di Google è stata fatta in tempo per la Giornata della Terra, una festa che ha in gran parte stato cooptato da grandi inquinatori nelle loro regolari campagne di greenwashing. Proprio come molte aziende presunte crociate ambientaliquesta nuova funzione del motore di ricerca potrebbe essere solo più calda.

AirNow si affida alle agenzie di monitoraggio statali e locali che inviano i propri dati all’EPA. PurpleAir utilizza i propri sensori che le persone installano all’interno delle loro comunità. Queste informazioni possono allinearsi in determinate circostanze, purché entrambi i servizi stiano effettivamente registrando dati in quell’area. Entrambi i sistemi utilizzano l’indice di qualità dell’aria per monitorare la salubrità generale dell’aria.

Ad esempio, l’interattivo di AirNow potrebbe visualizzare i dati per un frammento di Washington Heights a New York City o Melrose nel Bronx, ma non ne avrà per Prospect Park a Brooklyn. Se né PurpleAir né AirNow hanno dati per un’area, Google non ha nulla da visualizzare.

Intere porzioni di alcune città, ma soprattutto regioni più rurali, non hanno alcun dato relativo alla qualità dell’aria dal sito AirNow dell’EPA. PurpleAir si basa su dispositivi di monitoraggio dell’aria individuali, quindi, sebbene abbia una copertura per aree che i governi non monitorano, è anche utile solo quando i loro dispositivi sono collegati alla rete.

Un rappresentante di Google non è stato in grado di confermare come aggrega i suoi dati AQI e ci sono lacune per la qualità dell’aria in molti quartieri locali. Un portavoce ha confermato che l’azienda stava lavorando a strumenti futuri per le persone che monitorano le loro condizioni ambientali, ma non ha potuto offrire dettagli su quali siano.

Abbiamo anche contattato PurpleAir per chiedere loro se Google ha collaborato con l’azienda nella creazione di questa nuova funzionalità sul motore di ricerca, ma non abbiamo ancora ricevuto risposta. Aggiorneremo la storia se uno dei due torna da noi.

In entrambi i casi, nonostante l’EPA sostenga l’uso dei dati, è già stato dimostrato che il monitoraggio AQI non è un modo del tutto accurato per determinare se l’aria è sicura da respirare, poiché la salute delle persone non è l’unica considerazione. Mentre le soglie per l’AQI, che vengono riviste ogni cinque anni, tengono conto dei dati sanitari a lungo termine, tengono anche conto dell’impatto delle normative sull’industria, anche se anche piccole quantità di inquinanti atmosferici possono causare effetti nocivi. L’EPA inoltre non utilizza dati in tempo reale in caso di emergenze come incendi.

ProPublica ha precedentemente segnalato l’EPA esclude gli agenti cancerogeni industriali dalle sue letture AQI, consentendo efficacemente zone ad alto inquinamento atmosferico intorno agli impianti industriali. È stato dimostrato che queste zone aumentano notevolmente la probabilità di problemi di salute come il cancro. Come solo un esempio da La mappa di Propubblica, un’area intorno a Wallingford, nel Connecticut, ha dimostrato di avere 1,5 volte il rischio accettabile di cancro grazie a un produttore locale di prodotti in metallo. Google per la qualità dell’aria di Wallingford non offre alcun risultato dal nuovo sistema del motore di ricerca. Utilizzando il sistema di qualità dell’aria di AirNow a Wallingford, utilizzando tutti e tre i codici postali per l’area, non si ottengono dati disponibili o AQI “buono”.

Se Google vuole aiutare le persone a monitorare la qualità dell’aria in un modo che le aiuti nella vita quotidiana, è necessario un investimento molto più profondo nelle infrastrutture per consentirlo.

.

Leave a Comment