Le azioni estendono le perdite poiché gli investitori valutano le osservazioni da falco di Powell, più utili aziendali

Venerdì le azioni statunitensi sono scese bruscamente mentre gli investitori hanno pesato una serie di utili aziendali e si sono preparati a rialzi dei tassi di interesse più aggressivi da parte della Federal Reserve nei prossimi mesi.

L’S&P 500 è crollato dell’1,9%, mentre il Dow Jones Industrial Average è crollato di 580 punti, posizionando entrambi i principali indici al minimo di cinque settimane. Il Nasdaq Composite, ad alto contenuto tecnologico, è sceso dell’1,9%. Nel frattempo, il rendimento dei Treasury USA a 10 anni è rimasto al 2,9%, il livello più alto da dicembre 2018.

Le perdite seguono le osservazioni del presidente della Fed Jerome Powell durante un panel ospitato dal Fondo monetario internazionale giovedì che segnalava che un aumento del tasso di 50 punti base era “sul tavolo” per maggio, quando la banca centrale statunitense terrà il suo prossimo incontro per la definizione delle politiche. Il presidente della Fed ha anche ribadito che i politici si sono impegnati a “caricare front-end” gli sforzi di lotta all’inflazione.

“L’azione di mercato di oggi riflette il potere dei commenti di Jerome Powell di ieri, secondo cui la Fed è determinata a sconfiggere l’aumento dell’inflazione e riconoscendo virtualmente che il mercato può aspettarsi un aumento di 50 punti base a maggio”, ha dichiarato venerdì il chief equity strategist di LPL Financial Quincy Krosby. .

Rivolgendosi alla presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde e ad altri funzionari giovedì, Powell ha affermato che la Federal Reserve si è impegnata a riportare l’inflazione del 2%, riferendosi all’obiettivo della Fed di aumentare i prezzi annuali.

“Siamo decisamente nelle carte per un aumento del tasso di 50 punti base nella riunione di maggio”, ha dichiarato il presidente di Capital2Market Keith Bliss su Yahoo Finance Live. . “

Con l’indice dei prezzi al consumo al livello più alto degli ultimi quattro decenni, la Federal Reserve statunitense ha recentemente segnalato che è in corso un’aggressiva stretta monetaria per frenare l’aumento dei livelli dei prezzi, nonostante gli avvertimenti degli esperti secondo cui un movimento troppo rapido potrebbe comportare una contrazione economica.

“La grande domanda è se gli utili possano davvero sostenere questo tipo di contesto macroeconomico di crescita più lenta e politica della Fed”, ha dichiarato Deepak Puri, Chief Investment Officer di Deutsche Bank Wealth Management, su Yahoo Finance Live all’inizio di questa settimana. “Sembra che alcune società possano – storicamente è stato così. Ciò che è diverso questa volta è davvero la tripletta, ovvero costi di capitale più elevati, inasprimento quantitativo, oltre alla mancanza di … un grande stimolo fiscale. ”

Nonostante le preoccupazioni di Wall Street sulle prossime mosse politiche e sui rischi posti ai trader, una lettura del Beige Book recentemente pubblicato dalla Federal Reserve suggerisce che il sentimento di Main Street rimane complessivamente positivo.

Gli strateghi di LPL Research hanno affermato che il Beige Book Barometer potrebbe fornire un quadro più accurato delle prospettive economiche rispetto all’attuale sentimento dei consumatori, che è stato debole di fronte all’aumento dell’inflazione. Nonostante un rallentamento economico nel primo trimestre, nelle ultime settimane i dati provenienti da Washington sono stati migliori delle aspettative di consenso.

“Esaminando il più recente Beige Book della Fed, le imprese locali statunitensi rimangono resilienti nonostante l’elevata incertezza”, ha affermato Barry Gilbert, stratega dell’allocazione di asset finanziari di LPL. “L’inflazione, il COVID e il conflitto in Ucraina manterranno l’incertezza elevata nel breve termine, ma se saremo in grado di affrontare queste sfide, riteniamo che ci siano solide prospettive di ripresa della crescita nella seconda metà dell’anno”.

Altrove nei mercati, i principali rapporti pubblicati venerdì includevano i risultati trimestrali di American Express (AXP), che è sceso dell’1,7% nel trading intraday nonostante abbia riportato un calo degli utili, e Verizon (VZ), in calo del 5,8% dopo che il gigante delle telecomunicazioni ha dichiarato di aver perso 36.000 telefoni mensili iscritti nel primo trimestre.

“Esacerbando le aspettative di aumento dei tassi e la prospettiva di un inasprimento quantitativo, si è verificata una serie di delusioni sugli utili”, ha affermato anche Krosby nella sua nota.

Gli investitori hanno continuato a guardare Snap Inc. (SNAP) dopo che la società ha previsto una forte prospettiva per la crescita degli utenti giovedì, ma ha avvertito che le interruzioni della catena di approvvigionamento e l’inflazione potrebbero continuare a danneggiare la domanda pubblicitaria. Le azioni di Snap sono scese del 2,6% venerdì pomeriggio.

10:03 ET: l’attività commerciale negli Stati Uniti decelera ad aprile

L’attività commerciale negli Stati Uniti è diminuita ad aprile, con le pressioni inflazionistiche che hanno intaccato la produzione del settore dei servizi poiché l’aumento dei prezzi ha pesato sulla spesa.

Il Flash Composite Purchasing Managers’ Index di S&P Global, che funge da misura della salute economica generale, è sceso a una lettura di 55,1 questo mese da 57,7 di marzo. Gli economisti intervistati da Bloomberg si aspettavano una lettura di 57,9. Qualsiasi lettura superiore a 50 indica una crescita nel settore privato.

“Molte aziende continuano a segnalare un vento favorevole alla domanda repressa dalla pandemia, ma le aziende stanno anche affrontando crescenti sfide dovute all’aumento dell’inflazione e alla compressione del costo della vita, nonché ai persistenti ritardi della catena di approvvigionamento e ai vincoli del lavoro”, ha affermato l’economista capo di S&P Global. Lo ha detto Chris Williamson in una nota.

“Questi venti contrari, oltre alle crescenti preoccupazioni per le prospettive economiche e l’inasprimento della politica monetaria, hanno significato un forte calo della fiducia delle imprese riguardo alle prospettive ad aprile. Tuttavia, con il ritmo complessivo della crescita economica e delle assunzioni che rimane relativamente solido, per ora è probabile che l’attenzione da una prospettiva politica rimanga ferma sulla necessità di frenare le pressioni inflazionistiche elevate record segnalate dall’indagine. ”

9:30 ET: Le azioni estendono le perdite dopo che i commenti sui tassi di Powell hanno spaventato gli investitori

Ecco dove si sono aperti i principali benchmark all’inizio della sessione di trading di venerdì:

  • S&P 500 (^ GSPC): -15,81 (-0,36%) a 4.377,85

  • Dow (^ DJI): da -229,65 (-0,66%) a 34.563,11

  • Nasdaq (^ IXIC): +0,85 (+ 0,01%) a 13.175,50

  • grezzo (CL = F): – $ 2,01 (-1,94%) a $ 101,78 al barile

  • Oro (GC = F): – $ 13,10 (-0,67%) a $ 1.935,10 per oncia

  • Tesoro decennale (^ TNX): +1,1 bps per un rendimento del 2,9280%

7:00 ET: I futures si abbassano mentre l’S&P 500 si prepara a un’altra settimana in perdita

Ecco le principali mosse nel trading di futures prima della campana di apertura di venerdì:

  • S&P 500 futures (ES = F): da -12,75 (-0,29%) a 4.377,75

  • Dow futures (YM = F): da -95,00 (-0,27%) a 34.614,00

  • Future Nasdaq (QN = F): -39,75 (-0,29%) a 13.688,50

  • grezzo (CL = F): – $ 1,48 (-1,43%) a $ 102,31 al barile

  • Oro (GC = F): – $ 12,10 (-0,62%) a $ 1.936,10 per oncia

  • Tesoro decennale (^ TNX): 0,00 bps (0,00%) per un rendimento del 2,9170%

18:53 ET giovedì: i futures su azioni sono smorzati dopo che le osservazioni da falco di Powell hanno fatto crollare gli indici

Ecco dove sono state scambiate le azioni prima della sessione notturna di giovedì:

  • S&P 500 futures (ES = F): da -1,50 (-0,03%) a 4.389

  • Dow futures (YM = F): -3,00 (-0,01%) a 34.706

  • Future Nasdaq (QN = F): -4,75 (-0,03%) a 13.723,50

  • grezzo (CL = F): – $ 0,03 (-0,3%) a $ 103,76 al barile

  • Oro (GC = F): + $ 4,60 (+ 0,24%) a $ 1.952,80 per oncia

  • Tesoro decennale (^ TNX): +0,077 bps (+ 2,71%) per un rendimento del 2,9170%

I commercianti lavorano al piano della Borsa di New York (NYSE) a New York City, USA, 14 aprile 2022. REUTERS / Brendan McDermid

Alexandra Semenova è una giornalista di Yahoo Finance. Seguila su Twitter @alexandraandnyc

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finance

Segui Yahoo Finanza su Twitter, Instagram, Youtube, Facebook, Flipboarde LinkedIn

Leave a Comment