Rendi di nuovo grande la Giornata della Terra

Padma Lakshmi a un evento della Giornata della Terra

La conduttrice televisiva Padma Lakshmi si fa un selfie con un fan il 19 aprile 2015 durante un evento della Giornata della Terra sponsorizzato da MorningStar Farms, una divisione della Kellogg Company.
Foto: John Minchillo / AP Immagini per MorningStar Farms (AP)

So che la Giornata della Terra è il 22 aprile perché le aziende non smetteranno di inviarmi email a riguardo. Quello che era iniziato come un invito all’azione per la protezione dell’ambiente è ora solo un’opportunità di marketing.

La mia casella di posta è stata sbattuta da marchi e agenzie di pubbliche relazioni che mi hanno scritto cose come “L’AZIENDA X CHE INQUINA OGNI ALTRO GIORNO DELL’ANNO STA FACENDO UNA PULIZIA DEI RIFIUTI IL GIORNO DELLA TERRA”. Le aziende che hanno contribuito al caricamento della crisi climatica post banali sui social media sull’amare la natura. I consumatori ricevono messaggi verdi su quali prodotti possono acquistare per essere “senza sprechi”.

Forse, a un certo livello, è guidato da buone intenzioni. Ma questo marketing ha poco valore e può persino peggiorare le cose. Inquadrare la crisi climatica attorno alle grandi aziende e ai prodotti per le persone con molto reddito disponibile lascia poco spazio per parlare delle comunità che hanno contribuito alla meno al problema, ma soffrire il il ponte per questo.

Non è sempre stato così. La prima Giornata della Terra si tenne nel 1970, quando il senatore del Wisconsin Gaylord Nelson coordinò una giornata nazionale a educare il pubblico su questioni ambientali urgenti. Quell’aprile, più di Hanno partecipato 20 milioni di persone in manifestazioni, raduni e lezioni in tutti gli Stati Uniti, gli americani furono inorriditi da un’enorme California fuoriuscita di petrolio l’anno prima, e la gente aveva cominciato a chiedersi come l’attività umana stesse influenzando il pianeta. Quell’era ci ha dato l’Agenzia per la protezione dell’ambiente (EPA) e una legislazione importante come la Legge sull’acqua pulita e la legge sull’aria pulita.

Ma nel tempo, la vacanza si è allontanata dalle proteste e dall’azione normativa e ha iniziato a soddisfare i bianchi, sensibilità borghesi. Ora la maggior parte delle organizzazioni di giustizia ambientale ambientale sono di burocrati ben nutriti, non di organizzatori di comunità. È diventato accettabile per le grandi aziende “unirsi alla conversazione”, nonostante il fatto che continuino a pompare fuori livelli astronomici di serra emissioni di gas. Intanto comunità di colore, come le Parrocchie in “Vicolo del Cancro “Louisiana, devono far fronte a tassi di cancro 50 volte superiori alla media nazionale, grazie alle compagnie di combustibili fossili e agli impianti chimici vicino alle loro case. I tweet e gli annunci che amano la natura che ricordano agli spettatori di andare in bicicletta invece di guidare le loro auto non risolveranno il problema.

Isaias Hernandez è un creatore di contenuti di giustizia ambientale che è cresciuto a Los Angeles. La sua educazione per la Giornata della Terra spesso proveniva dalle presentazioni scolastiche. Ma un anno, un’organizzazione ambientalista è andata nella sua scuola e ha chiesto agli studenti di inserire i loro codici postali in un calcolatore online che delineava i problemi di giustizia ambientale nelle loro comunità. Per Hernandez iniziò a intuire che il clima e l’ambientalismo stavano giocando un ruolo più importante nella sua vita e nel suo benessere di quanto avesse pensato.

“[My neighborhood] ho acqua cattiva e aria cattiva… [and there were] industrie tossiche vicino a casa mia “, ha detto a Earther. “Ho iniziato a creare quelle interconnessioni. Non è che i miei genitori non abbiano lavorato sodo per vivere, è il fatto che questi sistemi sono stati progettati storicamente per disinvestire nelle persone di colore”.

Hernandez è cresciuto in una delle tante comunità negli Stati Uniti che sono spesso lasciate indietro nei messaggi della Giornata della Terra. Capiscono come anni di messaggi imbiancati dal verde lascino aree come quella in cui è cresciuto oberate dal compito di difendersi da sole, senza il supporto che va nei movimenti ambientalisti imbiancati e nel marketing aziendale. Quindi Hernandez vuole che il futuro della Giornata della Terra eviti le grandi aziende e si concentri sul centrare gli sforzi e le politiche di base che affrontano questioni intersezionali come la povertà e l’inquinamento.

Catherine Coleman Flowers, un’attivista per la giustizia ambientale il cui lavoro si concentra sulla mancanza di adeguate sistemi di rimozione dei rifiuti nelle zone rurali, vuole che le persone che stanno lottando maggiormente siano in prima linea nel messaggio della vacanza. “Dobbiamo sollevare le storie delle persone che vivono con la rimozione delle cime delle montagne e dei suoi residui; Cancer Alley e le piante inquinanti; scarsità d’acqua nelle comunità occidentali; incendi in Texas, Arizona e California; innalzamento del livello del mare in Florida; lo scioglimento del permafrost in Alaska “, ha detto in una e-mail a Earther. “La Giornata della Terra dovrebbe essere una festa religiosa esemplificata da sforzi consapevoli per decarbonizzare. Questo dovrebbe essere in prima linea in ogni celebrazione”.

Qui a Gizmodo, abbiamo sostenuto che “È tempo di uccidere la Giornata della Terra.“Tlui le vacanze possono e devono essere qualcosa di più di un semplice cenno dei social media alla cura della natura, offerto solo perché lo è alla moda per la cura dell’ambiente. Se le celebrazioni future non possono mettere quelli coloro che lottano di più al centro dell’azionenon li vogliamo.

.

Leave a Comment