L’evoluzione della Terra dal Big Bang

Nature Timespiral: L’evoluzione della Terra dal Big Bang

Fin dagli albori dell’umanità, abbiamo guardato interrogativamente il cielo con grande interesse e timore reverenziale. Abbiamo invitato le stelle a guidarci e abbiamo fatto alcune delle scoperte più interessanti dell’umanità sulla base di queste osservazioni. Questo ci ha anche portato a mettere in discussione la nostra esistenza e come siamo arrivati ​​​​ad essere in questo momento nel tempo.

Quel viaggio iniziò un po’ 14 miliardi di anni fa, quando il Big Bang ha portato l’universo ad emergere da un mare caldo e denso di materia ed energia. Man mano che il cosmo si espandeva e si raffreddava, hanno generato galassie, stelle, pianeti e, infine, la vita.

Nella visualizzazione sopra, Pablo Carlos Buddassi illustra questo viaggio di proporzioni epiche nel design intricato Spirale temporale della naturaraffigurante le varie epoche che la Terra ha attraversato dall’inizio dell’universo stesso.

Cronologia evolutiva del mondo

Non si sa molto di ciò che è avvenuto prima del Big Bang, ma sappiamo che ha lanciato una sequenza di eventi che ha dato origine alle leggi universali della fisica e agli elementi chimici che compongono la materia. Come è nata la Terra e come è seguita la vita è una storia meravigliosa di tempo e cambiamento.

Diamo un’occhiata a cosa è successo dopo il Big Bang per tracciare il nostro viaggio attraverso il cosmo.

Il Big Bang e l’Eone di Ade

Il Big Bang ha formato l’intero universo che conosciamo, inclusi gli elementi, le forze, le stelle e i pianeti. L’idrogeno e la massiccia dissipazione del calore hanno dominato le fasi iniziali dell’universo.

Durante un arco di tempo noto come l’eone dell’Ade, il nostro Sistema Solare si è formato all’interno di una grande nuvola di gas e polvere. L’attrazione gravitazionale del Sole ha riunito le particelle spaziali per creare la Terra e altri pianeti, ma avrebbero impiegato molto tempo per raggiungere le loro forme moderne.

Qualche volta durante il primo 800 milioni anni della sua storia, la superficie della Terra è cambiata da liquida a solida.

Archean Eon (4 – 2,5 miliardi di anni fa)

Dopo la sua formazione iniziale, la superficie della Terra era estremamente calda. Questo eone successivo vide il pianeta raffreddarsi in modo massiccio, dando origine a oceani e continenti e alla prima storia registrata di rocce.

Fu all’inizio dell’Eone Archeano che la vita apparve per la prima volta sulla Terra. I nostri fossili più antichi scoperti risalgono a circa 3,5 miliardi anni fa e sono costituiti da minuscoli microrganismi conservati.

Era paleoproterozoica (2,5 – 1,6 miliardi di anni fa)

La prima era dell’Eone Proterozoico, il Paleoproterozoico, fu la più lunga nella storia geologica della Terra. Si sono formate placche tettoniche e masse continentali si sono spostate in tutto il mondo: è stato l’inizio della formazione della Terra che conosciamo oggi.

Durante questo periodo sono comparsi anche i cianobatteri, i primi organismi che utilizzano la fotosintesi. La loro attività fotosintetica ha provocato un rapido aumento dell’ossigeno atmosferico, con conseguente Grande Evento di Ossidazione. Questo ha ucciso molti gruppi batterici anaerobici primordiali, ma ha aperto la strada alla crescita e al fiorire della vita multicellulare.

Era mesoproterozoica (1,6 – 1 miliardo di anni fa)

Il Mesoproterozoico si è verificato durante quella che è nota come la fase del “miliardo noioso” della storia della Terra. Ciò è dovuto alla mancanza di un’attività geochimica diffusa e alla relativa stabilità dei serbatoi di carbonio oceanico.

Ma questa era ha visto la disgregazione dei supercontinenti e la formazione di nuovi continenti. Questo periodo vide anche il primo caso noto di riproduzione sessuale tra gli organismi e la probabile comparsa di organismi multicellulari e piante verdi.

Era neoproterozoica (1 miliardo – 542,0 milioni di anni fa)

Il Neoproterozoico è stato probabilmente il più profondo nella storia della Terra. Si trova all’intersezione dei due grandi tratti del tempo evolutivo: da un lato, circa tre miliardi di anni di vita prevalentemente microbica, e dall’altro l’inizio di una moderna biosfera con i suoi grandi organismi multicellulari straordinariamente diversi.

Allo stesso tempo, la Terra ha anche subito gravi glaciazioni conosciute come il periodo criogenico e la sua prima era glaciale, nota anche come Terra Palla di Neve.

L’era vide la formazione dello strato di ozono e le prime prove di vita multicellulare, inclusa l’emergere dei primi animali dal guscio duro, come i trilobiti e gli archeociatidi.

Era paleozoica (541 milioni – 252 milioni di anni fa)

Il Paleozoico è meglio conosciuto per aver inaugurato un’esplosione di vita sulla Terra, con due degli eventi più critici nella storia della vita animale. All’inizio, gli animali multicellulari subirono una drammatica esplosione del Cambriano nella diversità acquatica e quasi tutti gli animali viventi apparvero nel giro di pochi milioni di anni.

All’altra estremità del Paleozoico, si verificò la più grande estinzione di massa della storia 96% della vita marina e 70% della vita terrestre che si estingue. A metà strada tra questi eventi, animali, funghi e piante colonizzarono la terra e gli insetti presero il volo.

Era mesozoica (252 milioni – 66 milioni di anni fa)

Il Mesozoico era il Età dei rettili. Dinosauri, coccodrilli e pterosauri governavano la terra e l’aria. Questa era può essere suddivisa in tre periodi di tempo:

  • Triassico (da 252 a 201,3 milioni di anni fa)
  • Giurassico (da 201,3 a 145 milioni di anni fa)
  • Cretaceo (da 145 a 66 milioni di anni fa)

L’ascesa dei dinosauri iniziò alla fine del Triassico. Un fossile di uno dei primi dinosauri conosciuti, un onnivoro a due zampe di nome Eoraptor lungo circa tre piedi, è datato a questo periodo.

Gli scienziati ritengono che l’Eoraptor (e alcuni altri primi dinosauri ancora scoperti oggi) si siano evoluti nelle molte specie di famosi dinosauri che avrebbero dominato il pianeta durante il periodo giurassico. Continuerebbero a prosperare fino al Cretaceo, quando è ampiamente accettato che l’urto Chicxulub, l’asteroide precipitato sulla Terra al largo delle coste del Messico, abbia portato il regno dei dinosauri a una fine brusca e disastrosa.

Cenozoico (66 milioni – Ai giorni nostri)

Dopo la fine dell’era dei dinosauri, questa era ha visto massicci adattamenti della flora e della fauna naturali per sopravvivere. Le piante e gli animali che si sono formati durante questa era assomigliano molto a quelli sulla Terra oggi.

Le prime forme di mammiferi, anfibi, uccelli e rettili moderni possono essere fatte risalire al Cenozoico. La storia umana è interamente contenuta in questo periodo, poiché le scimmie si sono sviluppate attraverso la pressione evolutiva e hanno dato origine all’essere umano odierno o Homo sapiens.

Rispetto alla linea temporale evolutiva del mondo, la storia umana è cresciuta abbastanza rapidamente e drammaticamente. Passare dai nostri primi strumenti di pietra e dall’Età dei Re alle giungle di cemento con la tecnologia moderna può sembrare un lungo viaggio, ma rispetto a tutto ciò che è venuto prima, è solo un breve battito di ciglia.

Questo articolo è stato pubblicato come parte del programma Creator di Visual Capitalist, che presenta elementi visivi basati sui dati di alcuni dei nostri Creatori preferiti in tutto il mondo.

Leave a Comment