Quanta anidride carbonica produce ogni giorno la tua città?

Una delle sfide nella riduzione delle emissioni di carbonio è sapere quanto stai già producendo. Solo così è possibile pianificare con precisione come ridurre le emissioni future.

Il problema, ovviamente, è che misurare le emissioni di carbonio in modo tempestivo con alta risoluzione è complicato. Il carbonio proviene da una varietà di fonti, spesso misurate in modi diversi. E la risoluzione geografica di questi dati può essere scarsa, rendendo difficile individuare le fonti più inquinanti.

Né questi dati sono disponibili con una risoluzione sufficientemente alta da consentire cambiamenti nella scala delle città. E molte misure attuali richiedono un anno o più per essere elaborate, quindi possono essere obsolete nel momento in cui vengono visualizzate. Niente di tutto ciò è favorevole a una pianificazione dettagliata a lungo termine.

Dati in tempo reale

Ciò sembra destinato a cambiare grazie a una nuova iniziativa per compilare stime giornaliere quasi in tempo reale delle emissioni di anidride carbonica da 1.500 città in tutto il mondo. I dati vengono pubblicati su un sito Web pubblicamente disponibile che consente a decisori politici, urbanisti e industriali di misurare la loro produzione e gli effetti di eventuali modifiche.

Il sito web è il lavoro di Da Huo e Zhu Liu della Tsinghua University di Pechino con i colleghi, uno sviluppo della loro precedente ricerca che fornisce stime quasi in tempo reale delle emissioni di carbonio per paese.

Calcolare le emissioni per una città è complicato per una serie di motivi. Il primo è che non è sempre semplice definire i confini della città.

Sì, Zhu e colleghi si basano su due definizioni: aree urbane funzionali e aree amministrative globali. Tuttavia, anche questi determinano i limiti delle città in modi diversi in tutto il mondo: a volte le aree urbane funzionali sono significativamente più grandi delle loro controparti ea volte è il contrario. Quindi ogni città deve essere trattata a pieno titolo, a seconda della pratica locale.

Poi c’è la contabilità dettagliata necessaria per sommare tutte le fonti di emissioni di carbonio in ogni città in un modo che le renda comparabili. Il team ha utilizzato i dati sulla produzione giornaliera di energia, sulla produzione industriale locale, sul trasporto terrestre in base alla congestione del traffico, alle emissioni dell’aviazione dai record dei radar di volo e alla domanda di riscaldamento e ventilazione residenziale basata sulla temperatura giornaliera.

Il calcolo per ogni città deve quindi essere verificato, varie correzioni apportate ove necessario e quindi l’intero database confrontato con altri record per verificarne l’accuratezza. “Stimiamo che l’intervallo di incertezza complessivo sia ± 21,7%”, ha affermato il team.

Il team ha reso disponibili tutti questi dati su un sito Web che consente il confronto con le emissioni di periodi di tempo precedenti per mostrare come stanno cambiando nel tempo e il confronto con altre città.

Il più inquinante

Ad esempio, in un confronto con altre 25 grandi città, Mosca risulta quella che produce le maggiori emissioni annuali di anidride carbonica con circa 90 milioni di tonnellate, rispetto ai 60 milioni di tonnellate di New York e ai 40 milioni di Londra di Londra.

Tuttavia, in termini di variazione delle emissioni tra il 2020 e il 2021, Berlino è in cima alla classifica con un aumento delle emissioni di oltre il 10% mentre Cape Town, Tokyo e Sydney hanno tutte mantenuto le loro emissioni costanti.

Naturalmente, il sito Web consente uno studio molto più dettagliato con la possibilità di esaminare come variano le emissioni per ciascun settore per città.

Sarà utile dato che Da, Zhu e colleghi affermano che il 60% delle emissioni di combustibili fossili proviene dalle città. Ora che i dati sulle emissioni giornaliere sono facilmente disponibili, non ci dovrebbero essere scuse per non elaborare strategie di riduzione del carbonio. Questo tipo di dati potrebbe persino consentire alle città di competere, il che potrebbe fornire una maggiore motivazione al cambiamento.


Rif: Carbon Monitor Cities, stime giornaliere quasi in tempo reale delle emissioni di CO2 di 1500 città in tutto il mondo: arxiv.org/abs/2204.07836

Leave a Comment