“Golden Girls” mostra la piccola età alla convention inaugurale dei fan

CHICAGO (AP) – I programmi TV su fantascienza o fumetti di solito ispirano le convenzioni dei fan, non una sitcom su quattro donne di una certa età che vivono insieme in Florida.

Ma le sorelle Hillary Wasicek, 37 anni, e Melissa Gluck, 43 anni, hanno partecipato alla convention inaugurale “The Golden Girls” di questo fine settimana al Navy Pier di Chicago a cuore. Entrambe le donne, che volavano dalla California, hanno trascorso il venerdì in elaborati cosplay nei panni dei personaggi di Dorothy e Blanche. La serie ha sempre avuto un posto speciale per loro a causa dei temi degli amici che diventano famiglia e inclusività. Travestirsi con parrucche e tutto il resto, cosa che hanno fatto in precedenza durante una crociera “Golden Girls”, migliora solo l’esperienza della convention.

“È un’espressione divertente per mostrare rispetto e apprezzamento per qualcosa che ammiri. Ti fa solo sentire più parte di esso “, ha detto Wasicek, che ha intenzione di indossare un costume diverso ogni giorno. “Abbiamo appena incontrato così tante persone e sentito così tante storie. È come ‘Questa è la mia gente'”.

Per Gluck, incontrare altri appassionati di “Golden Girls” le dà un maggiore apprezzamento dello spettacolo stesso. Ora, ho coinvolto mio figlio e mio marito”.

Golden-Con: Grazie per essere un fan, che dura fino a domenica, sta dando a coloro che adoravano la sitcom della NBC la possibilità di incontrarsi. Si prevede la convergenza di oltre 2.000 partecipanti. Lo spettacolo, andato in onda dal 1985 al 1992, era interpretato da Bea Arthur, Rue McClanahan, Estelle Getty e Betty White, l’ultima “Golden Girl” rimasta morta all’età di 99 anni a dicembre. È stato venerato per aver mostrato i loro personaggi, che condividevano una casa a Miami, affrontando questioni più avanti nella vita come l’età, il sesso e i diritti LGBTQ.

Come ogni “truffa”, ci sono panel e domande e risposte con persone che hanno recitato come guest star o hanno lavorato dietro le quinte. C’è un mercato di venditori con bancarelle che trasportano candele, maschere, magliette e altro merchandising a tema “Ragazze d’oro”. I fan possono scattare foto in una ricreazione della cucina dove le “ragazze” mangiavano sempre la cheesecake e una replica gigante della borsa del marchio di Sophia. Ci sono anche due gruppi di drag queen separati programmati per eseguire tributi.

Tra gli ospiti c’è l’attrice Bonnie Bartlett, nota per i ruoli in “St. Altrove “e” Boy Meets World “(entrambi insieme a suo marito, l’attore William Daniels). È nota per aver interpretato una nuova amica di Dorothy in un episodio della terza stagione. La due volte vincitrice di Emmy, 92 anni, però, non ha storto il naso all’idea di una fan convention.

“Stavo correndo in giro a rincorrere Betty Grable e persone così”, ha detto Bartlett. “Ero un grande fan da bambino. Quindi lo capisco. Mio marito non lo capisce, ma io sì”.

Stan Zimmerman, un produttore televisivo il cui secondo lavoro di sceneggiatore è stato nella prima stagione, non avrebbe mai immaginato di socializzare con i fan quasi 40 anni dopo. Essendo in un settore in cui la popolarità è volubile, non lo dà per scontato.

“Quindi ho visto la traiettoria della popolarità, ma niente di simile a quello che sta succedendo ora”, ha detto Zimmerman. “È così bello vedere i giovani che ovviamente non erano nemmeno nati quando l’abbiamo scritto, conoscevano ogni riga”.

Questa stravaganza di “Golden Girls” originariamente doveva essere solo una serata da bar. Zack Hudson, che lavora nei servizi sociali per gli anziani ed è un “fan sfegatato”, ha contattato Brad Balof, suo amico e collega fan per organizzare un evento a novembre. Alla fine hanno pianificato di prenotare un centro comunitario, ma poi l’interesse al di fuori dello stato e persino degli Stati Uniti si è intensificato.

“Tutto quello che abbiamo fatto è stato fare un annuncio sui social media”, ha detto Hudson. “Da lì è semplicemente degenerato. Quindi ci siamo orientati un po’ per accogliere quante più persone possibile. E ora siamo qui”.

Hudson, Balof, manager di una discoteca, e il fratello di Balof, Brendan, che vive a Phoenix e ha esperienza nell’organizzazione di eventi, hanno organizzato un piccolo esercito di volontari e personale. L’intero gruppo si è destreggiato tra i loro lavori regolari e la pianificazione delle convention negli ultimi mesi. Hudson ha rintracciato tutto il talento per i pannelli. Sebbene si siano assicurati alcune sponsorizzazioni, la maggior parte dei finanziamenti di Golden-Con proviene dalla vendita dei biglietti.

Credono che l’interesse sia stato accresciuto anche perché “i devoti di Golden Girls stavano cercando uno sfogo per continuare a soffrire White. Quindi c’è uno stand con centinaia di biglietti per i fan per scrivere dei loro ricordi preferiti che riguardano lo spettacolo o cosa ha fatto per loro.

“Questa è un’opportunità per pagare così tanto (rispetto) a uno spettacolo che hanno amato e alle attrici che lo hanno fatto brillare”, ha detto Brad Balof. “Una cosa che aiuta lo spettacolo a rimanere senza tempo è che c’è abbastanza umorismo che non dipende da una situazione specifica, politica o geografica … È semplicemente divertente”.

___ Segui Terry Tang su Twitter all’indirizzo https://twitter.com/ttangAP

.

Leave a Comment