I legislatori della California si stanno orientando verso l’abbassamento degli standard per l’uso dell’acqua negli ambienti interni durante la siccità

SACRAMENTO, Calif. – Impantanati da un’estrema siccità, giovedì i legislatori della California hanno fatto il primo passo verso l’abbassamento degli standard per la quantità di acqua che le persone usano nelle loro case, una mossa che non verrà applicata ai singoli clienti ma potrebbe portare a tariffe più elevate anche se il consumo diminuisce .

L’attuale standard della California per l’uso residenziale dell’acqua interna è di 55 galloni (208 litri) a persona al giorno. La regola non si applica ai clienti, il che significa che le autorità di regolamentazione non scrivono biglietti per le persone che utilizzano più acqua di quella consentita. Invece, lo stato richiede alle agenzie idriche di soddisfare tale standard in tutti i suoi clienti.

L’anno scorso, uno studio condotto dalle autorità di regolamentazione statali ha rilevato che il consumo medio di acqua residenziale interna in California era di 48 galloni (181 litri) per persona al giorno, o ben al di sotto dello standard attuale. Hanno raccomandato ai legislatori statali di abbassare lo standard per incoraggiare una maggiore conservazione poiché la siccità diventa più frequente e più grave a causa del cambiamento climatico.

Giovedì il Senato della California ha votato 28-9 per abbassare lo standard a 47 galloni (178 litri) per persona al giorno a partire dal 2025; e 42 galloni (159 litri) per persona al giorno a partire dal 2030. Il disegno di legge non è ancora stato approvato dall’Assemblea, il che significa che probabilmente mancano ancora mesi per diventare legge. Ma il voto di giovedì con un comodo margine è un segno che la proposta ha il sostegno necessario per passare.

“Si tratta davvero della prossima generazione. Si tratta davvero dei tuoi nipoti”, ha detto Sen. Robert Hertzberg, un democratico autore del disegno di legge.

Gli Stati Uniti occidentali sono nel mezzo di una grave siccità solo pochi anni dopo che piogge e nevicate record hanno riempito i bacini idrici fino alla loro capacità. Gli scienziati affermano che questo ciclo di boom e crisi è guidato dal cambiamento climatico che sarà caratterizzato da siccità più lunghe e più gravi. Uno studio dell’inizio di quest’anno ha rilevato che gli Stati Uniti occidentali erano nel mezzo di una mega siccità che ora è la più secca in almeno 1.200 anni.

il governatore della California Gavin Newsom ha chiesto alle persone di ridurre volontariamente il consumo di acqua del 15%, ma finora i residenti sono stati lenti a raggiungere tale obiettivo.

I nuovi standard per l’uso dell’acqua interna, se dovessero diventare legge, sarebbero solo una parte della strategia dello stato per conservare più acqua. Sarebbero combinati con altre nuove regole ancora in fase di sviluppo per cose come l’uso dell’acqua all’aperto.

Il modo in cui i nuovi standard potrebbero influire sui clienti varierà. Il consumo di acqua interna diminuirà gradualmente poiché i regolamenti edilizi statali richiedono elettrodomestici più efficienti nelle case nuove e rinnovate. Alcune agenzie idriche potrebbero scegliere di applicare tariffe più elevate per le persone che usano troppa acqua. Ma la maggior parte delle agenzie probabilmente si concentrerà sulla sostituzione dei tubi obsoleti che perdono meno.

Non sarà economico. Le agenzie pagheranno per tali modifiche aumentando le tariffe, ha affermato Julia Hall, sostenitrice legislativa senior dell’Association of California Water Agencies.

“Quello che può succedere è che le persone ridurranno il loro consumo di acqua e alla fine vedranno aumentare la bolletta nel tempo”, ha affermato.

Hall afferma che gli standard proposti si basano su uno studio imperfetto condotto dalle autorità di regolamentazione statali che non hanno tenuto conto degli impatti a lungo termine della pandemia, che includono più persone che lavorano da casa invece che in ufficio. Hanno chiesto allo stato di rimandare questi nuovi standard fino a quando lo stato non potrà condurre uno studio più dettagliato.

Heather Cooley, direttrice della ricerca per il Pacific Institute, ha affermato che gli studi hanno dimostrato che la conservazione dell’acqua è “il modo più economico e veloce per soddisfare il nostro fabbisogno idrico”.

“Non è gratuito, ma è meno costoso della costruzione di nuove infrastrutture per l’approvvigionamento idrico e il trattamento”, ha affermato.

Cooley ha detto che la storia della California dimostra che è vero. Secondo uno studio finanziato in parte dal Dipartimento delle risorse idriche della California, a Los Angeles, la seconda città più popolosa della nazione, gli sforzi di conservazione hanno risparmiato circa 11 miliardi di dollari in costi idrici tra il 1990 e il 2016.

“Questo è un segno della quantità di costi che abbiamo evitato grazie ai nostri miglioramenti in termini di efficienza”, ha affermato.

Copyright © 2022 di Associated Press. Tutti i diritti riservati.

.

Leave a Comment