La Fed vuole aumentare rapidamente i tassi, ma potrebbe non sapere dove fermarsi

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell sta portando la stretta monetaria a una marcia in più. Il suo obiettivo sembra semplice: portare i tassi di interesse a “neutrali”, un’impostazione che non stimola né rallenta la crescita.

Ma c’è un problema: anche in tempi normali, nessuno sa dove sia questo livello teorico. E questi non sono tempi normali. Ci sono buone ragioni per pensare che il terreno sotto i piedi della banca centrale stia cambiando e che, dopo aver tenuto conto dell’elevata inflazione, la neutralità potrebbe essere superiore alle recenti stime dei funzionari.

Alla riunione del prossimo mese, i funzionari dovrebbero approvare i piani per ridurre il loro portafoglio di asset da $ 9 trilioni e aumentare il tasso di riferimento di mezzo punto percentuale. Sono pronti a seguire con un altro mezzo punto a giugno.

“Alzeremo i tassi e raggiungeremo rapidamente livelli più neutri, e poi in realtà inaspriremo la politica se ciò si rivelerà appropriato, una volta arrivati ​​​​lì”, ha affermato il sig. Powell ha detto durante una tavola rotonda la scorsa settimana.

La chiave di tale strategia saranno le stime del tasso di interesse neutro, un nirvana monetario che bilancia domanda e offerta quando la disoccupazione è bassa, l’economia è in crescita costante e l’inflazione è stabile intorno all’obiettivo del 2% della Fed.

“La Fed sa solo in retrospettiva dove si trova la neutralità”, ha affermato Steven Blitz, capo economista statunitense presso la società di ricerca TS Lombard.

Il tasso nominale neutro si ottiene sommando l’inflazione al tasso corretto per l’inflazione o al tasso reale neutro. Sono i tassi reali, non nominali, che contano per la politica monetaria. Poiché l’inflazione riduce l’onere del rimborso del debito, è necessario un tasso reale positivo per creare un incentivo al risparmio e un disincentivo a prendere in prestito, come per una casa o un’impresa, rallentando così la crescita economica e raffreddando la pressione inflazionistica.

Prima della crisi finanziaria del 2008, il tasso nominale neutro era ampiamente stimato vicino al 4%, un tasso reale neutro del 2% più un’inflazione del 2%. Nel decennio successivo i funzionari della Fed hanno abbassato la loro stima di neutralità tra il 2% e il 3% perché ritenevano che il tasso neutrale reale necessario per mantenere stabili sia la crescita che l’inflazione fosse diminuito.

I funzionari pensano ancora che il tasso reale neutrale sia basso; la domanda è se l’inflazione finirà al di sopra del 2%, il che significherebbe un tasso neutro nominale più elevato. Se l’inflazione si assestasse più vicino al 3%, ad esempio, il tasso nominale neutro sarebbe più vicino al 3,5% che al 2,5% e la Fed potrebbe dover aumentare i tassi al 4% per rallentare effettivamente l’economia.

Una fonte di incertezza è dove si trova davvero la neutralità. Dipende da dove si stabilizza l’inflazione, in parte sulla base di fattori al di fuori del controllo della Fed.


Foto:

federico j. marrone / Agence France-Presse / Getty Images

Questo pone i funzionari della Fed con diverse domande: quanto velocemente raggiungere la neutralità; le tariffe devono superare la neutralità; e dov’è neutro?

Al momento, la maggior parte pensa che la neutralità sia di circa il 2,25% o 2,5% e le tariffe dovrebbero arrivare quest’anno, a quel punto possono vedere come risponde l’economia. Alcuni vogliono andare più veloci, spingendo i tassi in territorio restrittivo quest’anno. Altri sono aperti a questa possibilità nel 2023.

“Sono ottimista sul fatto che possiamo arrivare alla neutralità, guardarci intorno e scoprire che non siamo necessariamente così lontani da dove dobbiamo andare”, ha dichiarato il 7 aprile il presidente della Fed di Chicago Charles Evans. La scorsa settimana, però, ha era un po’ più cauto: “Probabilmente stiamo andando oltre la neutralità, questa è la mia aspettativa”.

Una delle principali fonti di incertezza in questi scenari è incentrata su dove si trovi davvero la neutralità. Dipende da dove si stabilizza l’inflazione, che in parte si basa su fattori al di fuori del controllo della banca centrale come le interruzioni della catena di approvvigionamento dovute alla guerra in Ucraina e i blocchi di Covid in Cina.

Giovedì il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha indicato che la banca centrale probabilmente aumenterà i tassi di interesse di mezzo punto percentuale nella riunione di maggio. Foto: Samuel Corum / Getty Images

Sig. Blitz ha affermato che la Fed oggi potrebbe trovarsi in una situazione simile a quella del 1978, quando stava alzando i tassi in modo aggressivo ma non riusciva a spingere i tassi reali abbastanza su per rallentare l’economia.

“Continuavano a pensare, ‘Questo è abbastanza. È abbastanza. ‘ Continuava a rivelarsi che non era abbastanza “, ha detto. Oggi, “la Fed ha molto da recuperare per inasprire le condizioni finanziarie se il mondo non vuole venire in suo soccorso”.

Nelle proiezioni pubblicate a marzo, la maggior parte dei funzionari della Fed ha tracciato uno scenario allegro in cui hanno aumentato i tassi a un tasso approssimativamente neutro di circa il 2,75% entro il prossimo anno. Secondo le proiezioni, la crescita nei prossimi tre anni rimane al di sopra del suo tasso di lungo periodo dell’1,8%, mentre la disoccupazione rimane al di sotto del tasso del 4% stimato dai funzionari è coerente con la stabilità dei prezzi.

Ma queste proiezioni presuppongono che l’inflazione, ora superiore al 5% in base all’indice preferito dalla Fed, tornerà a un tasso tendenziale di lungo periodo del 2% senza una maggiore disoccupazione, cosa storicamente rara.

“Le probabilità di fare ciò che avevano previsto a marzo sono piccole, forse il 25%”, ha affermato Donald Kohn, ex vicepresidente della Fed.

CONDIVIDI I TUOI PENSIERI

Quali passi prevedi che la Fed compia quest’anno per affrontare l’inflazione? Partecipa alla conversazione qui sotto.

John Roberts, un ex economista della Fed che è andato in pensione lo scorso anno, ha presentato altri due scenari in una recente analisi. Sotto uno, la Fed aumenta i tassi a quasi il 2,5% quest’anno e al 4,25% l’anno prossimo, il che porta l’inflazione al 2,5% entro il 2025. Ciò aumenterebbe il tasso di disoccupazione di dimensioni che si sono verificate solo durante le recessioni.

Nell’altro, l’inflazione elevata fino al 2022 cambia la psicologia dei consumatori, provocando un aumento dell’inflazione sottostante e la Fed non riesce ad aumentare i tassi sufficientemente per contrastarla, lasciando l’inflazione persistentemente al di sopra del 3% per il resto del decennio.

Il mercato obbligazionario ha subito una brutale svendita negli ultimi due mesi, spingendo i rendimenti nettamente al rialzo, poiché la Fed ha promesso una politica più restrittiva. Potrebbe subire un altro duro colpo se i funzionari della banca centrale concludessero pubblicamente che i tassi di interesse devono andare ancora più alti di quanto attualmente previsto nel 2023.

Scrivere a Nick Timiraos a nick.timiraos@wsj.com

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. Tutti i diritti riservati. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

.

Leave a Comment