Sky di questa settimana in uno sguardo, 22 – 30 aprile – Sky & Telescope

VENERDÌ, 22 APRILE

■ Arcturus è la stella più brillante dell’est in queste sere, splendente di un giallo pallido-arancione. Cerca Spica, più pallido bianco-blu, in basso a destra di Arcturus a circa tre pugni alla distanza di un braccio.

A destra di Spica, a metà di quella distanza, c’è la caratteristica costellazione a quattro stelle del Corvo, il Corvo primaverile.

■ La pioggia di meteoriti Lyrid potrebbe essere ancora attiva questa notte, sebbene il picco previsto della pioggia non sia ben programmato per il Nord America. Il momento migliore per provare a guardare è dalle 23:00 circa fino al sorgere della luna, come scrive Bob King in Celebrate Spring with the Lyrids. La doccia è generalmente piuttosto debole. In buone condizioni di osservazione potresti vedere una Lyrid ogni 5 minuti circa di osservazione costante, in media.

■ La luna dell’ultimo quarto sorge alle 3 del mattino, ora legale, sabato mattina. Guarda che sale molto in basso a destra di Altair. La Luna (in Capricornus) è esattamente l’ultimo quarto alle 7:56 di sabato mattina EDT.

SABATO, 23 APRILE

■ Vega, la stella dell’estate, uguale a magnitudine zero di Arcturus, brilla a nord-est dopo il tramonto. . . a seconda della tua latitudine. Più a nord sei, più in alto sarà. Se ti trovi alle latitudini degli Stati Uniti meridionali, dovrai aspettare un po’ più tardi dopo il tramonto perché appaia.

■ In alto sopra Vega, l’Orsa Maggiore si sta ribaltando. La stella centrale del manico del Carro è Mizar. Una linea da Mizar attraverso il suo piccolo compagno vicino Alcor (il binocolo aiuta!) indica la strada verso Vega. O nel luogo all’orizzonte dove presto sorgerà.

■ Dalla domenica al mercoledì mattina, la Luna calante passa sotto Saturno, Marte e la coppia Venere-Giove in basso a sud-est, come mostrato di seguito.

Per quattro mattine la Luna cammina sotto la linea di quattro pianeti dell’alba. I pianeti cambiano leggermente posizione da una mattina all’altra. Venere e Giove sono a 6° di distanza il 24, mentre si riducono a 3° il 27 (come sono disegnati qui). Venere e Giove saranno a solo ½° l’uno dall’altro le mattine del 30 aprile e del 1 maggio, mentre attraversano una suggestiva congiunzione.

DOMENICA, 24 APRILE

■ Guarda a ovest-sudovest quando le stelle escono. C’è Orion inclinato in basso nel suo orientamento primaverile, con la cintura orizzontale. La cintura punta a sinistra verso Sirio ea destra verso Aldebaran e, più avanti, verso le Pleiadi. Saranno tutti a posto presto.

■ Guarda molto in alto sopra Orione per Polluce e Castore, allineati all’incirca orizzontalmente. Costituiscono la sommità dell’enorme Arco di Primavera.

In basso a sinistra di Polluce e Castore, Procione forma l’estremità sinistra dell’Arco. Guarda più lontano in basso a destra da Polluce e Castore per Menkalinan di 2a magnitudine e poi la brillante Capella, l’estremità destra dell’Arco.

L’arco è la metà orientale dell’ancora più grande esagono invernale, il resto del quale si sta abbassando o tramontando.

LUNEDÌ, 25 APRILE

■ Leo cammina orizzontalmente attraverso il meridiano di queste sere. La falce del Leone (testa del leone, davanti e Regulus avampiede) sta in piedi, con il lato aperto a destra: un punto interrogativo all’indietro. Le sue stelle più luminose sono Regulus, la parte inferiore dell’impugnatura della falce, e Gamma Leonis (Algieba), sopra Regulus nell’incavo della falce.

Circa due pugni e mezzo a sinistra di Regulus c’è Denebola, la punta della coda di Leo.

MARTEDÌ, 26 APRILE

■ Alla fine di aprile, le due Dog Stars si allineano verticalmente mentre le stelle escono a metà del crepuscolo. Guarda a sud-ovest. Il brillante Sirius in Canis Major è piuttosto basso. Procione in Canis Minor si erge sopra di esso di 25°, due o tre pugni alla distanza di un braccio.

MERCOLEDÌ, 27 APRILE

■ Arcturus si sta arrampicando in alto a est, brillante a magnitudine zero e giallo-arancio pallido. Quindi, girati a nord-ovest. Scendendo c’è Capella altrettanto luminosa. Si trovano esattamente alla stessa altezza sopra il tuo orizzonte nel tardo crepuscolo mentre le stelle stanno uscendo, a seconda sia della tua latitudine che della longitudine.

Con quale precisione puoi cronometrare questo evento per la tua posizione? Come tutto ciò che riguarda le costellazioni, scoprirai che accade 4 minuti prima ogni notte.

GIOVEDI, 28 APRILE

■ La pioggia di meteoriti Lyrid dovrebbe essere attiva questa sera tardi e domani potrebbe essere tardi, anche se i tempi della pioggia non sono ideali per il Nord America. I tempi migliori per provare a guardare sono dalle 23:00 circa fino al sorgere della luna entrambe le sere, scrive Bob King in Celebrate Spring with the Lyrids.

VENERDÌ, 29 APRILE

Congiunzione Venere-Giove. Imposta la sveglia per alzarti e guardare in basso a sud-est da 60 a 45 minuti prima dell’alba. Venere e Giove, i due oggetti più luminosi dopo il Sole e la Luna, sono a una distanza spettacolare di ½°! Domenica mattina saranno solo una traccia più distanti, con Giove ora in alto a destra di Venere.

SABATO, 30 APRILE

■ Rivolgiti a nord subito dopo il tramonto, guarda molto in alto e troverai i Puntatori, le stelle finali della coppa dell’Orsa Maggiore, sul meridiano che punta verso Polaris in basso. Da Pointers a Polaris sono circa tre pugni a distanza di un braccio.

Ogni volta che i Puntatori puntano verso il basso, Vega sta salendo in basso a nord-est, Leo cammina orizzontalmente in alto attraverso il sud e l’Arco di Primavera (vedi domenica sopra) riempie l’alto ovest.

■ Un’eclissi parziale di sole si verifica oggi per il Pacifico sudorientale e il cono meridionale del Sud America. Dettagli.

Annuncio


Riepilogo del pianeta di questa settimana

Mercurio sta avendo la sua migliore apparizione serale dell’anno in questo momento. Quando il tramonto si attenua, cercalo in basso a ovest-nordovest circa 45-60 minuti dopo il tramonto. Ma guarda come Mercurio svanisce rapidamente questa settimana, da magnitudine -0,5 venerdì 22 a +0,3 il 29. Ciò significa che perde metà della sua luce. 1

Venere e Giove, le magnitudini –4.2 e –2.1, rispettivamente, sono le due “Stelle del mattino” che brillano basse a est-sudest quando l’alba si illumina. Si stanno avvicinando l’uno all’altro velocemente. La mattina del 23 aprile, Giove è 7° in basso a sinistra di Venere. Le mattine del 30 aprile e del 1 maggio si separano all’alba per le Americhe.

La loro effettiva congiunzione avverrà intorno alle ore 19 UT del 30 aprile, quando i due pianeti saranno distanti tra loro. In quel periodo, saranno in vista dell’alba per il Pacifico occidentale.

Marte e Saturno barlume in alto a destra di Giove e Venere, in quest’ordine. Sono molto più deboli, identici ora a magnitudine +0,9. Marte, tuttavia, è più arancione di Saturno giallo pallido.

Ogni mattina sono un po’ più lontani da Venere e l’uno dall’altro. La linea Venere-Marte-Saturno è lunga 25° la mattina del 23 aprile e lunga 33° entro il 30. I tre rimangono circa equidistanti l’uno dall’altro.

Urano è nascosto dietro il bagliore del sole.

Nettuno è sullo sfondo di Venere e Giove, ma a magnitudine 7,9 è inosservabile al bagliore dell’alba.


Tutte le descrizioni relative al tuo orizzonte, comprese le parole su, giù, destra e sinistra, sono scritte per le latitudini medio-settentrionali del mondo. Descrizioni e grafici che dipendono anche dalla longitudine (principalmente posizioni lunari) sono per il Nord America.

L’ora legale orientale, EDT, è l’ora universale meno 4 ore. (L’ora universale è anche chiamata ora UT, UTC, GMT o Z.)


Vuoi diventare un astronomo migliore? Scopri come aggirare le costellazioni. Sono la chiave per localizzare tutto ciò che è più debole e più profondo da cacciare con un binocolo o un telescopio.

Questo è un hobby della natura all’aperto. Per una guida alle costellazioni facile da usare che copra l’intero cielo serale, usa la grande mappa mensile al centro di ogni numero di Cielo e telescopiola rivista essenziale di astronomia.

Una volta ottenuto un telescopio, per metterlo a frutto avrai bisogno di un atlante del cielo dettagliato e su larga scala (set di grafici). Lo standard di base è il Pocket Sky Atlas (nell’edizione originale o in quella Jumbo), che mostra stelle fino a magnitudine 7,6.

Copertina Pocket Sky Atlas, edizione Jumbo
Il Pocket Sky Atlas traccia 30.796 stelle con magnitudine 7,6 e centinaia di galassie telescopiche, ammassi stellari e nebulose tra di loro. Qui è mostrata l’edizione Jumbo, che è in copertine rigide e ingrandita per una lettura più facile all’aperto con una torcia rossa. Grafici di esempio. Maggiori informazioni sulle edizioni attuali.

Il prossimo è il più grande e più profondo Atlante del cielo 2000.0, tracciando stelle a magnitudine 8,5; quasi tre volte di più. I successivi, una volta che sai come muoverti, sono ancora più grandi Interstellarum atlas (stelle fino a magnitudine 9,5) o Uranometria 2000.0 (stelle fino a magnitudine 9,75). E assicurati di leggere Come utilizzare una mappa stellare con un telescopio. (Si applica tanto ai grafici sul tuo telefono o tablet quanto ai grafici su carta.)

Avrai anche bisogno di una buona guida del cielo profondo. Un amato vecchio classico è il tre volumi Manuale celeste di Burnham. Un impressionante più moderno è il grande Guida dell’osservatore del cielo notturno set (2+ volumi) di Kepple e Sanner.

Un telescopio computerizzato può sostituire le carte? Non per principianti, non credo, e non su supporti e treppiedi di qualità inferiore meccanicamente, il che significa pesanti e costosi. E come dicono Terence Dickinson e Alan Dyer nel loro Guida dell’astronomo del cortile“Un pieno apprezzamento dell’universo non può arrivare senza sviluppare le capacità per trovare le cose nel cielo e capire come funziona il cielo. Questa conoscenza arriva solo trascorrendo del tempo sotto le stelle con le mappe stellari in mano”.


Tour audio in cielo. Fuori sotto il cielo serale con il tuo
auricolari al loro posto, ascolta il mensile di Kelly Beatty
podcast tour dei cieli sopra. È gratis.


“I pericoli di non pensare chiaramente sono molto più grandi ora che mai. Non è che ci sia qualcosa di nuovo nel nostro modo di pensare, è che il pensiero credulone e confuso può essere molto più letale in modi mai visti prima”.
-Carlo Sagan, 1996

“I fatti sono cose ostinate.”
Giovanni Adams, 1770


1. Ok, hai chiesto come lo facciamo. Perché Mercurio dissolvenza di 0,75 magnitudine significa che svanisce della metà? Come si cambia una differenza di magnitudine in una differenza di luminosità?

Dal 1856, il sistema di magnitudine stellare è stato definito con precisione in modo che 5 magnitudini siano esattamente 100 volte la differenza di luminosità. Quindi, una magnitudine è un cambiamento di luminosità della quinta radice di 100. Che è 2,512 per tutti gli scopi pratici.

Ecco la formula da utilizzare: Se △m è la differenza di grandezza, quindi

differenza di luminosità = 2.512m

… che sono solo pochi tocchi sulla tua calcolatrice scientifica.

Alcuni dilettanti imparano a memoria gli intervalli di magnitudine di base:

Tabella della differenza di grandezza vs.  differenza di luminosità

Leave a Comment