Potrebbe non essere necessario salvare quelli che potrebbero sembrare cuccioli di animali selvatici abbandonati

Suggerimenti su cosa fare se incontri animali giovani che sembrano essere abbandonati in natura.

Il dipartimento di polizia della contea di Fairfax in Virginia vuole che le persone sappiano che è la stagione dell’adolescenza e non è insolito che i cervi appena nati vengano scoperti sui prati, nelle aiuole e nei giardini o nelle aree di erba alta vicino alle case. Cosa dovrebbero fare le persone se ne scoprissero uno? Il dipartimento ha detto che dovrebbe essere lasciato in pace.

Nessuna buona azione che rimane impunita e ben intenzionata a cercare di salvare quelli che credono essere bambini selvatici abbandonati potrebbe fare più male che bene.

“La madre potrebbe essere fuori vista, ma è probabile che sia vicina… La madre cerva sarà diffidente nei tuoi confronti e la presenza umana potrebbe impedirle di tornare. Dai spazio al cerbiatto e tieni lontani bambini e animali domestici per consentire alla cerbiatta di tornare e prendersi cura del suo cerbiatto “, ha detto la polizia.



“Dovresti cercare aiuto per un cerbiatto solo se mostra evidenti segni di ferita o angoscia, come vagare e piangere incessantemente; ha gli occhi gonfi, mostra segni di trauma, come ferite visibili o ossa rotte; o se c’è una cerva che allatta morta nelle vicinanze. Se un animale mostra questi segni, contatta un riabilitatore della fauna selvatica autorizzato, un veterinario o la polizia per la protezione degli animali per ulteriore assistenza e istruzioni “, secondo la polizia per la protezione degli animali della contea di Fairfax.

È normale che la prole di animali selvatici di ogni tipo venga lasciata sola dai genitori mentre se ne vanno per cercare cibo e produrre latte.

“In HRA, vediamo questi animali entrare come orfani abbandonati, quando in realtà persone ben intenzionate li hanno rimossi inutilmente dalle cure dei loro genitori”, secondo la Humane Rescue Alliance. “Se ti trovi in ​​presenza di un cucciolo di animale selvatico e non sei sicuro di cosa fare, chiama sempre un professionista prima di tentare di maneggiare il bambino”.

E gli uccellini?

Gli esperti della National Audubon Society raccomandano che se ritieni di aver trovato un neonato o un nidiaceo malato o ferito, chiama immediatamente un riabilitatore, un’agenzia statale per la fauna selvatica o un veterinario e non dargli da mangiare.

I cosiddetti nidiacei sono uccellini senza o quasi senza piume che probabilmente sono caduti da un nido. La National Audubon Society ha detto che se ne incontri uno, riporta l’uccello in un nido, reale o fatto in casa, tieni d’occhio i genitori. Se non tornano entro un’ora, chiama un centro di riabilitazione della fauna selvatica.

I dettagli su cosa fare in altre circostanze specifiche possono essere trovati sul sito web della National Audubon’s Society.

A Washington, la Humane Rescue Alliance lavora con City Wildlife per riabilitare molte creature malate e ferite come uccelli, opossum, scoiattoli, tartarughe, serpenti, rane o lucertole.

I segni che un animale potrebbe aver bisogno di essere salvato, secondo la Humane Rescue Alliance includono:

  • Sanguinamento o ferite aperte
  • Sono caduti dalla bocca di un altro animale
  • Non possono usare una gamba o un’ala
  • Sono fredde, bagnate o ricoperte di larve o mosche

La Humane Rescue Alliance ha suggerimenti su come gestire gli incontri con coniglietti, scoiattoli, volpi e procioni sul suo sito web.

I riabilitatori della fauna selvatica autorizzati in Virginia possono essere trovati presso il Virginia Department of Wildlife Resources.

I gruppi approvati per lavorare con la fauna selvatica nel Maryland possono essere trovati presso la Maryland Wildlife Rehabilitators Association.

Metti mi piace a WTOP su Facebook e segui WTOP su Twitter e Instagram per avviare una conversazione in questo articolo e in altri.

Ricevi le ultime notizie e i titoli del giorno nella tua casella di posta iscrivendoti qui.

AL WTOP 2022. Tutti i diritti riservati. Questo sito Web non è destinato agli utenti che si trovano all’interno dello Spazio economico europeo.

Leave a Comment