Lavoro costiero: tecnico di pesci tribali e fauna selvatica

Copia del corpo dell’articolo

Alcune persone lavorano nei cubicoli, altre nelle cucine, ma il posto di lavoro più intrigante di tutti potrebbe essere la costa. Incontra le persone che si dirigono verso l’oceano invece che in ufficio nella nostra serie Coastal Jobs.

Vanessa Castle è un membro della Lower Elwha Klallam Tribe, con sede vicino a Port Angeles, Washington, dove lavora come tecnico dei pesci e della fauna selvatica. Continua la tradizione della sua tribù di prendersi cura della terra aiutando a monitorare il ritorno del salmone sul fiume Elwha dopo il più grande progetto di rimozione della diga al mondo e studiando la popolazione e le dinamiche predatore-preda dei grandi felini nella penisola olimpica.

I membri della mia famiglia sono sempre stati pescatori di salmone. Anche da bambino, mia madre mi portava fuori con le reti da imbrocco sull’Elwha per esercitare i diritti dei nostri trattati. Il mio lavoro era pulire il pesce. Avevamo un accampamento di pesci proprio sulla sponda del fiume dove saremmo rimasti per settimane, tornando a casa solo per fare la doccia.

Fu allora che le dighe di Elwha e Glines Canyon erano ancora in vigore. Sono stati abbattuti a partire dal 2011. Il nostro accampamento per i pesci è scomparso ora, è stato spazzato via dal fiume. Ero un po’ dispiaciuto di vederlo andare. Ma i nostri anziani ci dicono che il fiume vive e respira, cambia con le stagioni. È bello vedere il fiume muoversi liberamente. E ora che lavoro per la mia tribù, posso vedere i pesci tornare. Sono stata una delle prime persone a vedere la deposizione delle uova di salmone in alcune aree in cui non c’erano da 100 anni, ed è una sensazione indescrivibile.

Quando ero più giovane, partivo per vedere il mondo. Sono finito a Standing Rock, al confine tra South e North Dakota, per oltre sei mesi combattendo per proteggere l’acqua. Sono stato persino arrestato e accusato di un crimine, che fortunatamente è stato respinto. Sono tornato con la profonda sensazione di dover fare lo stesso lavoro di protezione dell’acqua dallo sfruttamento qui, con la mia tribù.

Sono stato assunto per la prima volta per aiutare il dipartimento della pesca della tribù di Lower Elwha Klallam a stimare il numero di pesci di ritorno dopo la rimozione della diga. Mentre cerchiamo i pesci, dobbiamo camminare controcorrente, in modo da non confondere l’acqua mentre cerchiamo di vederci dentro. Ho anche aiutato con un sondaggio di snorkeling, galleggiando liberamente lungo il fiume in una muta stagna alla ricerca di pesci nel loro nido, oltre a carcasse generate.

Il nostro reparto è come una famiglia. Vorrei che più giovani indigeni sapessero che questi sono buoni lavori. Quando alcuni dei progetti ittici su cui stavo lavorando sono terminati, i miei capi mi hanno trasferito a un nuovo progetto che esaminava come i puma costieri influenzano le popolazioni di cervi e alci. Quindi ora ho diviso il mio tempo.

Avevo paura dei puma. Come escursionista, mi è stato insegnato che sono un grosso pericolo, come se ti stessero sempre guardando. Ma con questo progetto, posso guardarli. Ogni sei mesi, aiuto a rivedere i file catturati da una rete di telecamere da pista per avere un’idea delle dimensioni della popolazione e di cosa stanno facendo i singoli animali. Vado anche sul campo per controllare i puma quando i loro collari GPS mostrano che si aggirano spesso in un luogo, ad esempio dopo aver ucciso la preda.

La mia parte preferita del lavoro è fare le acquisizioni. Aspettiamo la neve. Allora, è il momento. Noi, tecnici e biologi, guidiamo vecchie strade forestali finché non incrociamo tracce di puma. Abbiamo una squadra di segugi appositamente addestrati, che trovano e alberano il puma. Dobbiamo stare molto attenti a guidare l’animale su un buon albero, in modo che non sia ferito durante la discesa. Non può essere sospeso su una scogliera o un fiume, per esempio. Facciamo sfrecciare l’animale e indietreggiamo, lasciandolo cadere da solo. Quando si addormenta, lo colleghiamo e prendiamo campioni per l’analisi genetica in modo da poter vedere come i puma sono tutti imparentati.

La parte migliore è assicurarsi che si svegli bene, vedere un puma che ti fissa da 20 piedi di distanza. [six meters] via è qualcosa che può cambiarti la vita.

Leave a Comment