L’agenzia per la fauna selvatica dello Utah propone modifiche alla caccia all’alce man mano che la popolarità aumenta

La Utah Division of Wildlife Resources ha svelato martedì un possibile nuovo piano di gestione degli alci, che passerà attraverso un processo pubblico prima che entri in vigore nel 2023. (Utah Division of Wildlife Resources)

Tempo di lettura stimato: 5-6 minuti

SALT LAKE CITY – I funzionari della fauna selvatica dello Utah stanno proponendo un nuovo piano per gestire le popolazioni di alci poiché l’attuale piano della loro agenzia scade e la domanda di cacciare la specie cresce ai massimi storici.

Dax Mangus, il grande coordinatore del gioco per la Utah Division of Wildlife Resources, afferma che la proposta cerca di affrontare le crescenti preoccupazioni circa la possibilità di ottenere un permesso di caccia all’alce e il sovraffollamento durante la stagione di caccia.

“Abbiamo valutato molte diverse opzioni, compromessi e, alla fine, abbiamo elaborato alcune nuove strategie davvero innovative per aiutare la gestione degli alci ad andare avanti”, ha detto Mangus in un video sul piano pubblicato su YouTube martedì.

Il piano propone una manciata di modifiche, tra cui:

  • Sei ulteriori unità di caccia all’alce toro per la stagione generale nelle aree di Nine Mile, Paunsaugunt, West Desert, Central Mountains, Book Cliffs e Box Elder in tutto lo stato, oltre all’aggiunta di una nuova caccia alla punta per la stagione generale nell’unità Diamond Mountain nel nord-est Utah.
  • Dividendo l’attuale stagione generale di 13 giorni qualsiasi caccia al toro con qualsiasi arma legale in due cacce separate di sette giorni.
  • Rilascio di 15.000 permessi di stagione generale per l’inizio della stagione qualsiasi arma legale qualsiasi caccia all’alce toro e nessun limite al numero di permessi per la fine della stagione qualsiasi arma legale qualsiasi caccia all’alce toro. Eventuali permessi per alci toro multistagionali sarebbero limitati a 7.500 permessi.
  • Continuando a rilasciare 15.000 permessi spike bull ogni anno con 4.500 disponibili come permessi multistagionali.
  • Creazione di un permesso alce per la stagione generale giovanile illimitato valido durante tutte le stagioni generali su qualsiasi unità toro e punta.
  • Ristrutturazione degli obiettivi di raccolta per le unità tradizionali a ingresso limitato per includere tre obiettivi di età: da 6 anni e mezzo a 7 anni, da 6 a 6 anni e mezzo e da 5 anni e mezzo a 6 anni.
  • Aggiungendo la caccia di metà stagione a qualsiasi arma legale sulla maggior parte delle tradizionali unità di alci a ingresso limitato e regolando le divisioni delle armi per le tradizionali cacce a ingresso limitato per inserire più cacce a qualsiasi arma legale nella caccia di mezza stagione.

DWR mantiene un piano per gestire le mandrie di alci – tra tutti i tipi di fauna selvatica – per delineare gli obiettivi nelle popolazioni e nell’habitat degli alci. È redatto con l’aiuto di agenzie statali e federali, gruppi di conservazione, esperti accademici, proprietari terrieri privati ​​e cacciatori. Il documento aiuta l’agenzia a capire cosa è necessario per mantenere le mandrie sane e produttive all’interno dell’ecosistema dello stato.

La divisione ha approvato il suo attuale piano di gestione degli alci nel 2015 e lo ha modificato due anni fa; tuttavia, scadrà alla fine dell’anno.

Il nuovo piano, se approvato, entrerà in vigore nel 2023 e coprirà i prossimi 10 anni, anche se ci sarà una revisione del piano nel 2027 nel caso in cui siano necessarie modifiche lungo il percorso, ha spiegato Mangus. Un comitato di 20 membri di vari esperti ha ideato il piano proposto. È stato utilizzato anche un sondaggio pubblico su quasi 3.000 cacciatori di alci nello Utah per aiutare a trovare nuove idee.

Nel complesso, la richiesta di cacciare gli alci è il cambiamento più drastico da quando è stato compilato l’ultimo piano.

Mangus sottolinea che le estrazioni di alci tori a ingresso limitato erano già un permesso difficile da acquisire per gli Utahns, che è una tendenza che si aspetta continuerà. Quest’anno ci sono state 75.925 richieste per 3.117 permessi di alce toro a ingresso limitato, più di 20.000 domande in più rispetto al 2014, quando c’erano 2.868 permessi, secondo la divisione. Le probabilità che un residente dello stato vinca una partecipazione sono scese da una su 16 a circa una su 20.

Ma i permessi per gli alci della stagione generale sono una preoccupazione maggiore. All’inizio di quest’anno, i 17.500 permessi di tutti i tori per la stagione generale della divisione sono andati esauriti in cinque ore, mentre i suoi 15.000 permessi per gli alci di toro a spillo per la stagione generale sono stati esauriti in nove ore dopo essere stati messi in vendita. Ci sono voluti rispettivamente 77 e 84 giorni perché entrambi i permessi si esaurissero nel 2014.

“Questa richiesta rafforza davvero un tema che continuiamo a vedere nello Utah: la richiesta di uscire all’aria aperta (e) di godere delle nostre risorse naturali continua a crescere, e ci sono molte persone che si sentono come se stessero perdendo questa famiglia .caccia, questa idea di una caccia che qualcuno può pianificare ogni anno”, ha detto Mangus. “Diventa sempre più difficile ottenere i permessi per i cervi in ​​base al modo in cui stiamo gestendo la caccia al cervo in questo stato nello stato con alcune delle sfide che dobbiamo affrontare a causa della siccità. … E per molte persone, il “Le cacce all’alce della stagione generale sono diventate la caccia di famiglia.”

La domanda, emersa davvero nel 2020, è anche il motivo per cui i funzionari statali della fauna selvatica hanno tentato senza successo di modificare il processo di autorizzazione alla caccia all’alce lo scorso anno. È anche un problema che non sembra scomparire presto, motivo per cui il comitato è stato incaricato di affrontare un equilibrio tra “opportunità e qualità” in un nuovo piano di gestione, ha spiegato.

Il feedback del sondaggio pubblico rispecchiava in qualche modo il feedback della modifica fallita del processo di autorizzazione. Mangus ha detto che mentre c’erano alcune componenti delle cacce all’alce dello Utah che piacevano ai cacciatori, gli intervistati erano “divisi” sulla maggior parte delle questioni chiave, desiderando un maggiore accesso ma anche limitando l’affollamento per mantenere la qualità della caccia. Ritiene che il piano offra una soluzione “creativa” alla sfida, affrontando anche le preoccupazioni relative alla siccità, all’invecchiamento delle popolazioni di alci e ad altri problemi.

“Riteniamo che questi cambiamenti proposti contribuiranno a raggiungere questi obiettivi”, ha aggiunto, in una dichiarazione. “Le modifiche consigliate sono tutte correlate e forniscono sinergia al piano di gestione generale, con le modifiche alla caccia per la stagione generale che offrono ulteriori opportunità e le modifiche a ingressi limitati che aiutano a mantenere la qualità della caccia”.

La Utah Division of Wildlife Resources ha annunciato martedì che propone anche le prime date di caccia nell’ambito del nuovo piano proposto. Se approvata, la stagione della caccia all’alce inizierebbe con il tiro con l’arco della stagione generale e qualsiasi caccia al toro il 18 agosto. 19, 2023. L’ultima caccia all’alce da iniziare sarebbe il 19 dicembre. 2, che è l’inizio della caccia al tiro con l’arco di fine stagione a ingresso limitato.

Gli Utahn hanno fino a nov. 22 a fornire commenti sulle proposte attraverso il sito web della divisione. Lo Utah Wildlife Board si incontrerà presso l’Eccles Wildlife Education Center il 12 dicembre. 1 per votare se approvare il piano proposto e le date di caccia 2023.

Storie correlate

Le più recenti storie all’aperto

Carter Williams è un reporter pluripremiato che si occupa di notizie generali, attività all’aperto, storia e sport per KSL.com. In precedenza ha lavorato per il Deseret News. È un trapianto nello Utah passando per Rochester, New York.

Altre storie che potrebbero interessarti

.

Leave a Comment