Zoo indiani: semi della conservazione della fauna selvatica

Inizierò con una citazione della mia migliore amica Jane Goodall (che non ho mai incontrato, ovviamente). Il suo messaggio per la brigata anti-zoo era che in questi tempi sull’orlo è importante, più che mai, sensibilizzare i bambini all’importanza della fauna selvatica. E niente, nemmeno i migliori spettacoli televisivi e film, può eguagliare l’esperienza di vedere “un animale felice in un buon recinto” e “guardarlo negli occhi”.

Questa sensibilizzazione è ora una parte importante del lavoro dell’educatore dello zoo; una carriera che sta crescendo in tutto il mondo. Molti importanti ambientalisti hanno iniziato la loro carriera in uno zoo: come visitatori, volontari, stagisti e assistenti part-time.

In effetti, uno di loro sta visitando il Madras Crocodile Bank Trust and Center for Herpetology (MCBT) al momento: Karthikeyan Vasudevan del Laboratorio di Hyderabad per la conservazione delle specie minacciate di estinzione. Il suo periodo di volontariato qui, circa 25 anni fa, ha contribuito a far germogliare i semi del suo interesse per la conservazione della fauna selvatica.

Centri di apprendimento

Vasudevan dice in una recente mail: “L’opportunità che ho avuto di lavorare presso l’MCBT e altre strutture per animali in cattività mi ha aiutato a comprendere le lacune nella conoscenza e le sfide nell’allevamento per la conservazione delle specie in via di estinzione”. Il suo lavoro si è concentrato principalmente sulla mobilitazione di dati scientifici che aiuterebbero specificamente anfibi e rettili. “Attraverso uno sforzo coordinato che coinvolge un team di scienziati e professionisti dello zoo, una popolazione di chevrotain indiano da una popolazione fondatrice di sette animali nello zoo di Nehru [Hyderabad] è stato allevato in cattività e migliorato a 260 animali.’ Successivamente, quasi 85 di loro sono stati reintrodotti con successo in natura in cinque diverse aree protette nello stato di Telangana.

Tornando a Goodall, aveva anche detto che ci sono zoo buoni e zoo cattivi, e problemi specifici ad essi collegati devono ancora essere affrontati a fondo, come il fatto che alcuni animali, come i delfini, non dovrebbero stare in uno zoo a tutto. La risposta a queste preoccupazioni non è buttare via il bambino con l’acqua sporca, ma risolvere i problemi.

Con 80 milioni di visitatori annuali in India, gli zoo svolgono un ruolo sempre più importante come centri di apprendimento, intrattenimento e ispirazione. Anche i centri di interpretazione stanno diventando più innovativi, come il nostro all’MCBT, dove vengono utilizzate attrezzature VR (realtà virtuale) per portare i rettili “da vicino e a proprio agio”. È divertente osservare gli osservatori, mentre strillano, si dimenano e si stringono l’un l’altro quando un grosso rapinatore o salato sembra correre verso di loro.

I bambini prendono parte alle attività di sensibilizzazione presso il Madras Crocodile Bank Trust and Center for Herpetology. | Credito fotografico: accordo speciale

E oggi, dopo la pandemia, è più importante che mai osservare uno dei vantaggi più importanti degli zoo perché i luoghi verdi e tranquilli sono un tonico riconosciuto per la salute mentale. Gli zoo offrono un’opportunità per le fasce economicamente più deboli della società di sperimentare questo, che è difficile da ottenere in ambienti urbani rumorosi, affollati. Alcuni di noi hanno accesso a giardini e parchi e possono recarsi in santuari e parchi nazionali; ma noi siamo una minuscola, fortunata percentuale della nostra popolazione. ho descritto in Zuppa di pollo per l’anima spirituale indiana, come la natura mi ha aiutato a riprendermi dalla dolorosa perdita di mia sorella. In effetti, è un tema comune nella letteratura e nell’arte.

Saluta il gaviale

Per inciso, la Central Zoo Authority (CZA), che sovrintende allo sviluppo e alla valutazione dei nostri zoo, richiede un certo rapporto di verde in ogni zoo.

Il CZA garantisce un ampio spazio per i visitatori, richiedendo a ogni zoo di mantenere una cintura verde del 30% e vegetazione naturale; Inoltre, l’area destinata alla stabulazione degli animali non deve superare il 30%. Gli alberi devono essere etichettati per migliorare le informazioni scientifiche.

Un altro grosso pugno per gli zoo è il ruolo che svolgono nella conservazione delle specie in via di estinzione e minacciate. Avendo sede presso l’MCBT, posso menzionare diversi rettili che probabilmente si sarebbero estinti se non fosse stato per i programmi di riproduzione in cattività… il gaviale per esempio, l’iconico coccodrillo dal muso lungo, che contava solo circa 200 esemplari negli anni ’70. I programmi di allevamento “ex situ” per i mammiferi in via di estinzione includono il panda rosso, il leopardo delle nevi, il thamin, il rinoceronte, il cervo sangai e molti altri. Alcuni degli zoo che svolgono un ruolo attivo nella conservazione di queste specie sono il Padmaja Naidu Himalayan Zoological Park, Darjeeling (panda rosso e leopardo delle nevi), Manipur Zoological Garden (thamin) e Assam State Zoo (rinoceronte).

Mitigazione dei conflitti

Gli studi comportamentali e biologici negli zoo, come lo zoo di Mysore, aiutano a guidare le politiche di conservazione per gli animali in natura. E, parlando di conservazione, il ruolo degli zoo nella mitigazione dei conflitti uomo-animale è diventato sempre più importante con il tempo. I “salvataggi” devono essere collocati in spazi con know-how ed esperienza, che consentano loro di vivere il più vicino possibile a una vita naturale e non semplicemente essere tenuti in vita. Di recente, un video ha fatto il giro di un pitone salvato apparentemente trasferito al Veermata Jijabai Bhosale Udyan a Mumbai. Potrebbe benissimo essere stato un animale domestico abbandonato o un animale oggetto di traffico; quando piccoli serpenti e tartarughe diventano troppo grandi, vengono (non così amorevolmente) abbandonati in luoghi pubblici, con la speranza che qualcuno li salvi.

Le iniziative di conservazione come l’allevamento di specie in via di estinzione e i programmi educativi fanno ora così tanto parte delle attività e delle aspettative dello zoo, che vedere animali belli ed esotici è solo una piccola parte dell’esperienza dello zoo in India. Nandankanan in Odisha, lo zoo di Mysore e l’Arignar Anna Il parco zoologico di Chennai è uno di quelli che lo fa molto bene. Gli zoo sono diventati centri importanti per l’educazione ambientale e un “educatore dello zoo” è spesso elencato come un’opzione nelle carriere della fauna selvatica. Sono finiti i giorni in cui una vecchia insegna arrugginita era l’unica fonte di informazioni; la necessità di un’educazione ambientale significativa negli zoo viene affrontata sia dalla CZA che dagli stessi zoo, perché la risposta dei visitatori è commovente e l’interesse per la fauna selvatica e la sua conservazione è in crescita

Futuri guardiani della natura

Molti zoo organizzano programmi speciali sull’ambiente e la sua conservazione, e il cambiamento climatico ne fa sempre più parte. Sono i partner ideali per il governo per portare questo importantissimo messaggio a diverse comunità, dagli studenti ai responsabili delle decisioni. L’International Zoo Educators Association, di cui fanno parte molti zoo indiani, offre utili consigli e informazioni su come arricchire ed espandere questi programmi.

Oggi i nostri zoo offrono visite guidate e programmi gratuiti. La responsabilità di farlo è grave in questi tempi di coronavirus. Gli zoo stanno contribuendo a creare un battaglione dei nostri futuri guardiani della natura, un atto di auto-perseveranza. Perché secondo i pensieri di molti scienziati, l’attuale pandemia potrebbe, nei tempi a venire, sembrare un violino.

Dovremmo essere orgogliosi dei nostri zoo. È una rete che discute piani di allevamento, conservazione e istruzione e condivide informazioni e idee. Sono spazi sempre più aperti alle donne; Ci sono un certo numero di donne direttrici di zoo e veterinarie. È anche uno spazio in cui i visitatori possono pagare ₹ 40 per biglietto e trascorrere ore a vagare in uno spazio di 1.300 acri (Arignar Anna Zoological Park, Chennai) o 250 acri (Mysore Zoo).

Lo scrittore è uno dei fondatori della Madras Crocodile Bank, e attualmente il suo amministratore fiduciario.

.

Leave a Comment