Carriere nella conservazione della fauna selvatica – The Hindu

La conservazione della fauna selvatica ha bisogno che individui provenienti da una moltitudine di background si uniscano. | Credito fotografico: Getty Images/iStockphoto

ioSembra che i membri della forza lavoro del 21° secolo siano sempre più aperti a esplorare carriere che solo un decennio fa erano ritenute non ortodosse. Un’arena di lavoro e attivismo che potrebbe utilizzare persone entusiaste, efficaci e appassionate è la conservazione e la protezione della fauna selvatica. Tuttavia, la conservazione della fauna selvatica è qualcosa di più di ciò che viene “visto in TV”. Ha bisogno che individui provenienti da una moltitudine di background si uniscano per sostenere non solo la protezione degli animali, ma anche vivere insieme agli animali selvatici in armonia, in modo che la ricca biodiversità dell’India possa essere preservata. Ecco un elenco di opzioni:

Scienziato/ricercatore: Il lavoro di protezione della fauna selvatica è compromesso dalla mancanza di dati statistici, dalla comprensione limitata degli animali selvatici e dei loro bisogni, dall’insufficiente considerazione del benessere della fauna selvatica e dalla scarsa comprensione delle dinamiche di convivenza. Richiede individui con un acuto senso di curiosità, disposti a porre le domande giuste e perseverare per trovare le risposte giuste e strateghi efficaci che possano consigliare meglio sulle politiche relative agli animali selvatici e ai loro habitat. Una laurea triennale e magistrale in Scienze ecologiche o Zoologia o anche Scienze della fauna selvatica è un ulteriore vantaggio. Il Wildlife Institute of India e il National Center for Biological Sciences offrono una serie di corsi universitari, post-laurea e di dottorato. Tuttavia, anche una laurea in una qualsiasi delle scienze è un’ottima base su cui costruire.

Educatori della Natura: Chi porterà il messaggio al pubblico e soprattutto ai nostri giovani? Man mano che diventano disponibili maggiori informazioni sui bisogni degli animali e iniziamo a comprendere tali bisogni in modo più dettagliato, abbiamo bisogno di persone che aiutino a comunicare in modo efficace con il pubblico attraverso seminari, programmi scolastici o anche semplici sessioni di sensibilizzazione rivolte alle comunità locali. Molte ONG del settore sono alla ricerca di agenti di sensibilizzazione. Per perseguire una carriera in questo, un background in scienze di base, combinato con una laurea o un master offerto dall’Università Azim Premji, è un bonus.

Scienziati sociali: Il successo della conservazione della fauna selvatica e della conservazione del loro habitat richiederà una comprensione più sfumata delle dinamiche sociali e delle considerazioni politiche che modellano il destino degli animali. Gli scienziati sociali svolgono un ruolo chiave nella comprensione delle dinamiche tra persone e animali e nello sviluppo e nell’esecuzione di interventi su misura per specifiche specie animali, comunità umane e regioni geografiche. Una laurea in assistenza sociale o sviluppo offerta da istituti come TISS è un grande abilitatore. Avere un diploma post-laurea nella stessa offerta di formazione nella scienza del cambiamento del comportamento umano, nel processo decisionale efficace e nella progettazione intelligente di iniziative di protezione della fauna selvatica.

Ufficiali del servizio forestale: Il governo indiano recluta ufficiali per il prestigioso servizio forestale indiano attraverso l’esame UPSC (Union Public Service Commission).Per sostenere l’esame UPSC, è necessaria una laurea. Continua a controllare gli aggiornamenti in merito poiché i requisiti del governo possono variare. Di solito, una laurea in selvicoltura aiuta di più. Si può anche entrare in questo campo attraverso un esame di selezione specifico dello stato. In ogni caso, gli ufficiali seguono una formazione rigorosa in vari aspetti della gestione forestale e possono svolgere un ruolo diretto e duraturo nella protezione della fauna selvatica.

Artisti della fauna selvatica: L’arte e la cultura sono modi potenti per rafforzare il messaggio di conservazione e protezione degli animali selvatici, nell’era delle piattaforme di social media e dei mercati digitali. Che tu sia un narratore, un pittore, un fumettista o uno scultore, la tua passione per la fauna selvatica può trasparire attraverso qualsiasi mezzo tu scelga per un pubblico più ampio. Artisti come Rohan Chakravarthy e Sangeetha Kadur hanno rivoluzionato la comunicazione della scienza al pubblico. Istituti come Chitra Kala Parishat e Sristhi School of Design, Bengaluru offrono corsi universitari o post-laurea in Belle Arti e per sostenere coloro che cercano di affinare i propri talenti e abilità in tali aree.

Registi: Niente è più avvincente di una storia potente. I cineasti che possono narrare storie visivamente sbalorditive, specialmente con la tecnologia avanzata di oggi, possono convincere più persone a prendersi cura degli animali che li circondano. Il film Kannada Gandhada Gudi, che mette in mostra la ricca biodiversità del Karnataka, è uno dei primi film del genere ad avere un’uscita nelle sale! Le istituzioni educative in tutto il paese offrono vari corsi sulle tecniche di regia. Per essere davvero efficaci è preferibile frequentare corsi per apprendere le sfumature e le tecniche come montaggio, registrazione del suono, storyboard e così via.

Queste sono solo alcune delle opportunità per chi oggi vorrebbe lavorare nella protezione della fauna selvatica.

L’autore è Senior Manager, Wildlife and Disaster Response presso Humane Society International India.

.

Leave a Comment