I funzionari statunitensi invertono la rotta sui danni dei pesticidi alla fauna selvatica

Di MATTHEW BROWN, Associated Press

BILLINGS, Mont. (AP) – I funzionari della fauna selvatica degli Stati Uniti hanno annullato la loro precedente scoperta secondo cui un pesticida ampiamente utilizzato e altamente tossico potrebbe mettere a repentaglio l’estinzione di dozzine di piante e animali, dopo aver ricevuto impegni dai produttori di sostanze chimiche che cambieranno le etichette dei prodotti per il malathion in modo che venga utilizzato con maggiore attenzione da giardinieri, agricoltori e altri consumatori.

Le norme federali per il malathion sono in fase di revisione in risposta alle preoccupazioni di lunga data secondo cui il pesticida utilizzato su zanzare, cavallette e altri insetti uccide anche molte piante e animali rari. Una bozza di scoperta del Fish and Wildlife Service degli Stati Uniti lo scorso aprile ha affermato che il malathion potrebbe minacciare l’estinzione di 78 specie in pericolo e causare danni minori a molte altre.

I funzionari della fauna selvatica hanno invertito la loro posizione sulle 78 specie in un febbraio. 28 parere biologico a seguito di colloqui tra produttori di malathion, funzionari del servizio per la fauna selvatica e l’Agenzia per la protezione ambientale, secondo i documenti esaminati da The Associated Press.

I funzionari del servizio per la fauna selvatica ora affermano che il malathion potrebbe causare danni limitati a centinaia di specie, ma è improbabile che metta a rischio l’estinzione di qualcuna di esse fintanto che le etichette che ne impongono l’uso vengono modificate. La loro conclusione dipende dal fatto che agricoltori, giardinieri e altri consumatori rispettino le istruzioni su dove e quando usare il pesticida.

Cartoni politici

Gli ambientalisti che volevano maggiori restrizioni sul malathion hanno affermato che le modifiche alle etichette proposte farebbero ben poco per proteggere le specie che in alcuni casi si sono ridotte a pochissimi individui. Hanno affermato che presumere che gli utenti di malathion seguiranno le linee guida non è realistico e si sono opposti a una tempistica di 18 mesi per l’EPA per metterli in atto.

“Questo è un enorme barchino”, ha detto Brett Hartl del Center for Biological Diversity. “Non c’è una singola specie in via di estinzione che vedrà cambiare qualcosa sul terreno a causa di questa opinione biologica per almeno 18 mesi, ma probabilmente mai”.

I produttori hanno concordato di utilizzare etichette che forniscano linee guida dettagliate su quando e dove il malathion dovrebbe essere utilizzato per evitare di uccidere la fauna selvatica. Ad esempio, le etichette direbbero di non spruzzare malathion per uccidere le zanzare durante le ore centrali della giornata, quando le api e alcuni altri insetti sono più attivi e quindi è più probabile che vengano uccisi inavvertitamente.

Gary Frazer, vicedirettore per i servizi ecologici del servizio per la fauna selvatica, ha affermato che le misure “ridurranno in modo significativo molti degli effetti dell’uso del malathion”.

I produttori erano in gran parte rappresentati da FMC Corp., un’azienda chimica agricola con sede a Filadelfia, secondo il servizio per la fauna selvatica. Il portavoce della FMC Lars Weborg ha affermato che le etichette proposte e altri aggiornamenti alle linee guida sul malathion “sono stati sviluppati utilizzando una procedura standard comune a qualsiasi settore”.

Ha detto che la società non può speculare se di conseguenza verrà utilizzato meno malathion.

Le specie che sono state trovate in pericolo lo scorso anno includevano uccelli come la gru sandhill del Mississippi e vari pesci, insetti, lumache e altri animali e piante.

Il presidente del comitato per le risorse naturali della Camera degli Stati Uniti, Raul Grijalva, ha criticato l’amministrazione Biden per non aver adottato misure più forti per proteggere le specie in via di estinzione dai pesticidi. Il democratico dell’Arizona ha affermato che le “restrizioni teoriche” sull’uso del malathion non aiuterebbero.

“Dobbiamo smettere di usare il malathion il prima possibile”, ha detto Grijalva.

Ogni anno quasi un milione di libbre di malathion viene utilizzato sui raccolti in California, Florida, Washington, Oregon, Ohio e altri stati, secondo l’US Geological Survey. Quasi 2 milioni di sterline vengono utilizzate ogni anno negli orti domestici, per il controllo delle zanzare e altri usi, secondo i dati di un sondaggio governativo del 2018. La quantità utilizzata sui terreni agricoli è diminuita di circa due terzi dal picco del 1998, secondo i dati.

Il malathion è considerato altamente tossico per insetti, pesci e crostacei. Funzionari sanitari internazionali hanno affermato che la sostanza chimica è probabilmente cancerogena per l’uomo.

L’EPA ha affermato che pubblicherà online i dettagli che gli utenti di pesticidi dovrebbero seguire, come le zone vietate allo spray nelle aree di habitat critico per la fauna selvatica. In molti casi si tratta solo di linee guida. Ciò include l’irrorazione per il controllo delle zanzare “ove possibile” per proteggere specie tra cui il rospo di Houston e lo scarabeo tigre di Miami, secondo i documenti del governo.

L’analisi del servizio per la pesca e la fauna selvatica segna la prima revisione a livello nazionale di un pesticida regolamentato dall’EPA che sta per essere nuovamente approvato, hanno detto i funzionari. L’EPA ha affermato in una dichiarazione che le misure proteggeranno le specie minacciate e in via di estinzione e ridurranno anche l’esposizione ai pesticidi per altre piante e animali.

La revisione degli impatti del malathion sulla fauna selvatica è stata oggetto di un accordo legale con il Center for Biological Diversity. Il gruppo ambientalista ha fatto causa per la prima volta all’EPA due decenni fa, per non essersi consultato con altre agenzie federali sui rischi dei pesticidi sulla fauna selvatica e sulle piante, e ha intentato altre azioni legali fino al suo accordo del 2013 con il Fish and Wildlife Service.

Nel 2017, l’AP ha riportato una spinta da parte di Dow Chemical affinché l’amministrazione Trump ignorasse gli studi del governo su una famiglia di pesticidi che include il malathion. L’attività di lobbying è arrivata dopo le prime scoperte dell’EPA secondo cui i pesticidi avevano effetti negativi su oltre 1.000 specie in via di estinzione e minacciate.

L’amministrazione Trump nello stesso anno ha chiesto un ritardo di due anni nella revisione del malathion e di altri pesticidi.

Una revisione separata degli effetti del malathion è in attesa da parte del National Marine Fisheries Service. L’agenzia ha detto in un febbraio 25 progetti di analisi secondo cui il malathion potrebbe mettere a rischio 37 specie. La bozza non includeva la considerazione delle modifiche all’etichetta pianificate dai produttori, che i funzionari del servizio della pesca hanno affermato che avrebbero incorporato nel loro parere finale.

Segui Matthew Brown su Twitter: @MatthewBrownAP

Copyright 2022 L’Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.

.

Leave a Comment